CULTURA

Nuovi dati scientifici dalla campagna di ricognizione archeologica

Il sondaggio è il primo di una serie finalizzata alla ricognizione dell'intero territorio comunale
la squadra che ha effettuato la ricognizione (foto severino sirigu)
La squadra che ha effettuato la ricognizione (foto Severino Sirigu)

Si è conclusa la prima campagna di ricognizione archeologica svolta nel territorio comunale di Ortacesus, organizzata dalla cattedra di Archeologia Classica del Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio dell'Università degli Studi di Cagliari, in collaborazione con quella di Archeologia Fenicio-Punica.

L'iniziativa rientra nel più ampio progetto "Ortacesus Sub Terris. Archeologia e Territorio in Trexenta", finalizzato allo studio e ideato dal professor Marco Giuman, docente di Archeologia Classica all'Università di Cagliari, e dai suoi collaboratori Maria Grazia Arru, Ciro Parodo e Gianna De Luca.

Il progetto è frutto di una convenzione stipulata tra il dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio dell'Università di Cagliari, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Cagliari, le province di Oristano e Sud Sardegna e il Comune di Ortacesus.

La Giunta comunale ha fornito l'indispensabile supporto logistico per la buona riuscita della prima fase di studio. Fondamentale anche la collaborazione dell'associazione Mediana e della società Su Corongiu, a cui è affidata la gestione del Museo del Grano.

I risultati del sondaggio, il primo di una serie finalizzata alla ricognizione dell'intero territorio comunale, hanno consentito di acquisire nuovi rilevanti dati scientifici sul suo patrimonio storico-culturale.

"La ricerca fin qui effettuata - spiega il sindaco Fabrizio Mereu - ha consentito di arricchire ulteriormente la conoscenza della realtà territoriale, negli anni passati già valorizzata dalle indagini archeologiche riguardanti la necropoli di Mitza de Siddi, preziosa testimonianza della presenza punica e romana nella Trexenta".

Severino Sirigu

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...