CRONACHE DALLA SARDEGNA

Montresta, mistero greco in Planargia:
chi ha fatto sparire i fondatori?

Un buco nero. Spariti, dissolti, cancellati. C'è un giallo da risolvere sulle colline più belle del mondo, nascosto sotto un tappeto di ginestre in fiore. Fondatori cercansi, i greci andati via da Mani, quelli che intorno al 1750 mettono la prima pietra di Montresta. di LORENZO PAOLINI LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SU L'UNIONE SARDA

Sono esuli, fuggiti dal giogo turco, passati per la Corsica e poi di nuovo raminghi. Le campagne alle spalle di Bosa sembrano perfette al re Carlo Emanuele III. Due piccioni con un solo, desolatissimo, luogo: si dà ospitalità a una colonia di oltre 150 persone guidata da famiglie nobilissime (Stefanopoli Comnemo, aristocrazia vera) garantendosi eterna riconoscenza e si rende un po' meno selvaggio e disabitato questo scorcio di Sardegna. Benvenuto al nuovo paese greco-sardo. Qualche dato obiettivo cambia però un po' i fatti: adesso siamo nel 1836, una manciata di anni dopo l'insediamento della colonia originaria del Peloponneso nell'Isola. Il generale Alberto La Marmora visita Montresta, c'è ampia documentazione. I greci? Spariti praticamente tutti. C'è solo una vedova e il sindaco (Passerò, il cognome attecchisce nella zona, deriva da Psaros). Due su oltre centocinquanta. E gli altri? Gli atti ritrovati nell'archivio della parrocchia qualcosa la svelano, accanto a tanti la definizione mortu de corpu de balla significa che lo sfortunato non è passato serenamente a miglior vita durante il sonno. «Ma non basta, c'è ancora tanto da spiegare, lo dobbiamo alle nostre origini. Io spero che lo storico Stefano Pira, che sta lavorando sul caso Montresta, ci aiuti a scoprire la verità».


UOL Unione OnLine

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...