CRONACHE DALLA SARDEGNA

Dopo la polemica Zurru-Moretti
Arriva la solidarietà del prof. Cocco

Con una lettera inviata alla redazione, il professore di Diritto penale dell'Ateneo di Cagliari esprime solidarietà al collega.
giovanni cocco
Giovanni Cocco

Ecco il testo integrale della lettera inviata alla nostra redazione dal professor Giovanni Cocco, ordinario di Diritto penale dell'Università di Cagliari.

Spett.le Redazione

Leggo le polemiche sullo scritto del prof. Zurru e che l’Università di Cagliari intenderebbe sottoporre a procedimento disciplinare il suddetto professore per le opinioni espresse sull’on. Moretti.

Desidero, pertanto, pubblicamente manifestare piena solidarietà al prof. Zurru.

Non certo per comunanza di idee, né perché approvo il linguaggio adottato, pur essendo tale linguaggio evidentemente legato ad un contesto di vivace polemica politica, che è il sale delle democrazie liberali; del resto all’on. Moretti non mancheranno le occasioni per dare le risposte che riterrà più opportune al prof. Zurru; e comunque sono perfettamente legittime le critiche, anche le più severe, come le adesioni al pensiero del prof. Zurru.

Ma perché giudico semplicemente fuori dal nostro ordinamento giuridico costituzionale e denso di pericoli che siano oggetto di sindacato disciplinare le opinioni espresse da un docente universitario - tanto più se rese fuori dal contesto universitario ed in evidente contesto politico - la cui libertà gode di garanzie che hanno un valore assoluto enormemente più rilevante della pretesa dell’uso di un linguaggio ‘politicamente corretto’, o della manifestazione di sole idee in assunto ‘ortodosse’, dietro cui può nascondersi e si è storicamente nascosto il sempiterno desiderio di censura, certo ancor più grave quando ad esservi sottoposto è un docente universitario (sia chiaro che non voglio fare un gerarchia tra più o meno liberi, ma solo sottolineare la specificità della figura in considerazione in questa occasione). Non è stato scritto a caso in testa all’art. 33 della Costituzione che la scienza e l’arte sono libere e libero ne è l’insegnamento, principio capace di scriminare anche fatti penalmente rilevanti.

Anch’io voglio essere sottoposto a procedimento disciplinare con il prof. Zurru.

Giovanni Cocco


UOL Unione OnLine







Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...