CRONACHE DALLA SARDEGNA

Cagliari, rapina a donna in carrozzina
Trovati i colpevoli: hanno 13 e 15 anni

La Polizia ha identificato gli autori della rapina ai danni di un'anziana costretta sulla sedia a rotelle.
un anziana sulla sedia a rotelle
Un'anziana sulla sedia a rotelle

Hanno 13 e 15 anni gli autori della rapina messa a segno in via Roma, a Cagliari. La vittima una donna di 79 anni, costretta in carrozzina, che si trovava sotto i portici di via Roma accompagnata dalla sua badante. I due l'avevano aggredita strappandole la borsetta (all'interno della quale c'erano poche centinaia di euro) e facendola cadere per terra. Soccorsa da un'ambulanza del 118, era stata trasportata in ospedale per accertamenti.

Ad inchiodare i due minorenni sono state le riprese delle telecamere di videosorveglianza di una attività commerciale e il certosino lavoro investigativo della Polizia che ha comparato le immagini con i volti dei ragazzini che abitualmente frequentano alcune piazze cittadine. Per il quindicenne è stata inviata una segnalazione alla Procura dei minori, mentre per il più piccolo è stato richiesto l'interessamento dei servizi sociali. La rapina, secondo quanto accertato dagli agenti della Quarta sezione della Squadra mobile, sarebbe stata messa a segno proprio dal tredicenne, mentre il più grande lo avrebbe aiutato durante la fuga. I due si sono poi divisi i soldi del bottino: le banconote sono andate al più piccolo e le monetine all'altro.

I due ragazzini accompagnati in Questura dai genitori hanno ammesso di aver scippato l'anziana. Hanno anche detto di essere pentiti e dispiaciuti per l'accaduto. Soddisfatto il questore Filippo Dispenza. "Non c'è nessun allarme criminalità - ha sottolineato in una conferenza stampa - un plauso va alla Polizia e alla Squadra mobile per aver risolto in breve tempo questo episodio. I cittadini possono stare tranquilli, la Polizia e tutte le forze dell'ordine sono presenti sul territorio per prevenire i crimini. Episodi come quello di via Roma possono accadere ovunque e arrivano da disagi sociali e familiari, proprio per questo chiedo anche l'intervento delle altre istituzioni".


UOL Unione OnLine







Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...