CRONACHE DALLA SARDEGNA

Camorra in Sardegna, gli affari mancati
Ecco i piani dei Casalesi a Villasimius

I clan della camorra investivano nei resort del Sud Sardegna dal 2003 e nessuno lo sapeva. A Villasimius i tentativi di acquistare terreni, di ingrandire la struttura turistica S'Incantu, di abbellire i villaggi e di entrare a far parte del Consorzio turistico.
i finanzieri nel blitz che ha portato al sequestro dell hotel s incantu
I finanzieri nel blitz che ha portato al sequestro dell'hotel S'Incantu

Non c'è solo l'hotel S'Incantu (sequestrato dalla Finanza nell'inchiesta per riciclaggio di soldi sporchi): i clan della camorra avevano tentato di penetrare nel sud della Sardegna investendo denaro proveniente dalla droga e dall'estorsione. I Casalesi, secondo le accuse, sono entrati in scena dopo l'acquisto di terreni da esponenti della politica locale del calibro dell'europarlamentare Salvatore Cicu, dell'ex sindaco di Sestu Luciano Taccori e del consigliere comunale sestese Paolo Cao. Con denaro sporco. A Villasimius i camorristi hanno poi trovato ostacoli in Municipio e nel Consorzio turistico.

Tutti i particolari negli articoli di Carta e Nedrini sull'Unione Sarda in edicola oggi


UOL Unione OnLine







Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...