CRONACHE DALLA SARDEGNA

Sposi in catene e in lingua sarda
A Selargius si celebra la Coja antiga

Si è celebrato questa mattina il matrimonio selargino.
gli sposi col sindaco di selargius
Gli sposi col sindaco di Selargius

Con gli sposi in catene e la cerimonia in sardo-campidanese è stata celebrata in mattinata nella chiesa di Selargius (Cagliari) la tradizionale Coja antiga (matrimonio antico). Fede, tradizione e immancabile bagno di folla per l'edizione 2014: gli sposi, Giovanna Ledda e Alessandro Siddi, hanno detto Sì vestiti in costume sardo. Lui camicia bianca, corpetto viola e mantellina nera. Lei con vestito porpora con ricami dorati e velo bianco impreziosito dai gioielli. A unirli non solo il sacerdote, ma anche la catena tenuta dalla sposa e ancorata al mignolo della mano destra dello sposo. La chiesa parrocchiale dell'Assunta, stracolma, è stata addobbata a festa: con fiori e tappeti sardi. In "limba" anche canti e molte parti della messa, come hanno anche potuto vedere i telespettatori di Videolina, che ha trasmesso in diretta il rito.. La celebrazione è stato l'ultimo atto di una festa iniziata lo scorso 9 settembre per rievocare l'antica tradizione della cerimonia nuziale campidanese. Il matrimonio Selargino è culminato con i due sposi uniti con la catena, segno dell'indissolubilità del matrimonio. L'uscita dalla chiesa, poco dopo le 12:30, è stata accompagnata da tanti fedeli e cittadini. Ma non è finita: la tradizione prevede lo scambio della promessa nella vecchia chiesa di San Giuliano, con una pergamena che verrà consegnata ai futuri figli tra un quarto di secolo.


UOL Unione OnLine







PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...