CRONACA - MONDO

Angela Merkel: "I nazionalismi portano alle guerre"

L'affondo della cancelliera al congresso del Ppe
la cancelliera angela merkel durante il congresso del ppe con il premier finlandese juha sipila (ansa)
La cancelliera Angela Merkel durante il congresso del Ppe con il premier finlandese Juha Sipila (Ansa)

L'appuntamento con le elezioni per rinnovare il Parlamento europeo si avvicina e i vari gruppi stringono le fila per scegliere candidati forti. Lo sta facendo in questi giorni il Partito Popolare Europeo (Ppe) a Helsinki, con 700 delegati invitati a votare tra i due candidati Manfred Weber, attuale capogruppo tedesco del Ppe all'Europarlamento - aperto ai populisti e per questo sostenuto anche da Viktor Orban - , e Alexander Stubb, ex premier ed ex ministro degli Esteri della Finlandia, contrario a qualsiasi forma di nazionalismo spinto.

Netta la posizione della cancelliera Angela Merkel, che compatta il fronte anti-sovranisti con queste parole: "I nazionalismi portano alla guerra e non vogliamo che questo metta a repentaglio i nostri valori".

Sulla stessa linea anche il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, che toccando il delicato tema migranti, afferma: "Chi è patriota ama anche gli altri che vengono da lontano".

E il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani aggiunge una nota di ottimismo dicendosi convinto che il fronte Popolare sarà in grado di battere lo schieramento populista.

(Unioneonline/b.m.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...