CRONACA

Macron taglia 25 miliardi di tasse e porta il deficit al 2,8%. Di Maio: "Anche noi"

emmanuel macron e luigi di maio
Emmanuel Macron e Luigi Di Maio

Il governo francese ha varato un maxi taglio delle tasse per l'anno prossimo, pari a 24,8 miliardi di euro. Una riduzione che riguarderà per 6 miliardi le famiglie, per 18,8 le imprese.

Un provvedimento, quello di Macron, pensato per dare impulso all'economia e creare posti di lavoro: per finanziarlo, il rapporto deficit/Pil dovrebbe aumentare dal 2,6% di quest'anno al 2,8%, restando comunque al di sotto della fatidica soglia del 3%.

E il vicepremier Luigi Di Maio non poteva farsi sfuggire l'occasione per commentare la vicenda sui social: "La Francia per finanziare la sua manovra economica farà un deficit del 2,8%. Noi siamo un Paese sovrano esattamente come la Francia. I soldi ci sono e si possono finalmente spendere a favore dei cittadini. In Francia come in Italia.

Continuano intanto a Palazzo Chigi le riunioni per mettere a punto la Legge di Bilancio.

"Sarà una manovra del popolo che aiuta gli ultimi e fa la guerra ai potenti", ha affermato oggi Di Maio. Specificando che dentro ci saranno "il reddito di cittadinanza, il superamento della Fornero e i soldi per i truffati delle banche".

Non ci saranno invece tagli alla sanità: "Neppure un taglietto. La salute dei cittadini è la cosa più importante: dobbiamo allontanare i dirigenti politicizzati, eliminare gli sprechi e fare nuove assunzioni".

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...