CRONACA

Scotland Yard contro Facebook: non collabora in un'indagine per omicidio

la sede di scotland yard a londra (foto ansa)
La sede di Scotland Yard a Londra. (Foto Ansa)

Un caso di cronaca nera che ha per vittima la tredicenne Lucy McHugh, scomparsa la scorsa estate e ritrovata poco dopo nei boschi attorno a Southampton, uccisa a coltellate dopo esser stata stuprata, rischia di diventare un problema diplomatico tra Gran Bretagna e Stati Uniti, per la mancata collaborazione del social network Facebook con Scotland Yard.

Le indagini della polizia inglese si concentrano su un giovane, l'infermiere Stephen Nicholson, ospite della famiglia della ragazza e sospettato di aver avuto una relazione con lei, come dimostrerebbero alcuni messaggi Facebook tra i due.

La svolta delle indagini potrebbe arrivare proprio dalla lettura di questo scambio social, se non fosse che Nicholson si è opposto alla richiesta di Scotland Yard e all'ordine del tribunale di svelare la password di accesso a Facebook.

Un rifiuto che ha costretto Cressida Dick, commissiario capo della polizia, a rivolgersi direttamente al gigante di Mark Zuckerberg per sbloccare l'account del sospettato.

Intanto Nicholson resta in carcere per ostruzione alla giustizia, con un'accusa pendente di omicidio e violenza sessuale ai danni di un minore, ma le indagini sul caso di Lucy McHugh restano bloccate. Intanto Facebook fa sapere che per svelare la password si dovrà seguire la complessa procedura legale internazionale, come previsto dalla giustizia americana.

E il caso scuote anche la politica britannica, con la presidente del comitato per gli Affari Interni Yvette Cooper che chiede al Governo e a Facebook di velocizzare la procedura per l'accesso a questi dati: "Questo è un caso di omicidio spaventoso e la famiglia di Lucy McHugh ha bisogno di giustizia. Che in un caso simile vi siano simili ritardi e complicati processi internazionali per ottenere informazioni cruciali è profondamente inquietante".

(Unioneonline/b.m.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine







PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...