CRONACA - MONDO

Guerra delle capesante, Parigi minaccia l'intervento della Marina

lo scontro nel canale della manica
Lo scontro nel Canale della Manica

La guerre delle capesante smette di essere una semplice contesa tra pescatori e si trasferisce a livelli decisamente più alti, quelli di un vero e proprio scontro diplomatico tra Francia e Gran Bretagna.

La Marina francese è "pronta ad intervenire" per evitare ulteriori scontri tra i pescatori francesi e quelli inglesi. È quanto annunciato da Stephane Travert, ministro dell'Agricoltura e della Pesca francese.

Una contesa che va avanti da anni, quella che vede opposti francesi e inglesi sulla pesca dei prelibati molluschi dell'Atlantico.

Da un lato i francesi accusano gli inglesi di saccheggiare senza rispetto il loro mare, dall'altro lato gli inglesi rivendicano - in assenza di accordi - il diritto a pescare in quelle acque e denunciano la reazione troppo violenta degli "avversari".

Una settimana fa nel canale della Manica si è assistito a un vero e proprio scontro. Una quarantina di imbarcazioni francesi hanno circondato cinque pescherecci britannici e hanno lanciato pietre e fumogeni.

Il contenzioso, dicevamo, va avanti da anni, e lo scontro della scorsa settimana è stato solo la conseguenza di una "guerra" che non fa vittime, ma che si è ulteriormente inasprita con la Brexit.

Perché? La legge francese autorizza la pesca delle capesante in un periodo che va dal 1 ottobre al 15 maggio, per permettere ai molluschi di riprodursi e garantire così la pesca a lungo termine. L'Inghilterra invece non impone limiti ai suoi pescatori. I Paesi ai due lati della Manica avevano raggiunto un accordo, i britannici avevano garantito di non pescare a largo delle coste della Normandia nei periodi in cui la pesca francese è limitata. Accordo naufragato - è proprio il caso di dirlo - dopo l'uscita della Gran Bretagna dalla Ue.

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...