CRONACA

Famiglia Cristiana: "Vade retro Salvini". L'ira del ministro: "Pessimo gusto"

la copertina del settimanale
La copertina del settimanale

Duro attacco di Famiglia Cristiana a Matteo Salvini.

Nella copertina dell'ultima edizione il settimanale di ispirazione cattolica accosta il ministro a Satana, con un titolo in prima pagina che non lascia spazio a dubbi: "Vade retro, Salvini".

Poi si legge, sempre in prima pagina: "La Chiesa reagisce ai toni aggressivi del ministro dell'Interno".

Un segnale forte, quello lanciato al vicepremier.

Famiglia Cristiana parte dall'ennesima tragedia di migranti in mare, e ricorda come le vittime quest'anno siano già 1490. Poi, in un lungo articolo riporta le prese di posizione della Cei e di alcuni vescovi sul tema migranti.

E scrive: “Come pastori non pretendiamo di offrire soluzioni a buon mercato. Rispetto a quanto accade non intendiamo, però, né volgere lo sguardo altrove, né far nostre parole sprezzanti e atteggiamenti aggressivi. Non possiamo lasciare che inquietudini e paure condizionino le nostre scelte, determino le nostre risposte, alimentino un clima di diffidenza e disprezzo".

La copertina fa andare su tutte le furie il leader del Carroccio, che replica sui suoi profili social.

"Famiglia Cristiana mi accosta a Satana!", scrive. "Non pretendo di dare lezioni a nessuno, sono l'ultimo dei buoni cristiani, ma non penso di meritare tanto. Sono confortato dal fatto di ricevere quotidianamente il sostegno di tante donne ed uomini di Chiesa, che mi incoraggiano e mi chiedono di non mollare". Poi ricorda che anche un principio vigente del cattolicesimo dice che "l'accoglienza è un dovere nella misura del possibile, e penso che con i numeri che abbiamo la misura del possibile in Italia sia colma o quasi".

Per il ministro quella del settimanale cattolico è una copertina di "pessimo gusto e irrispettosa": "Me la sarei aspettata da Repubblica o L'Espresso, non da loro".

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...