CRONACA

Migranti, Juncker scrive a Conte: "Avete ragione, ma niente soluzioni ad hoc"

jean claude juncker e giuseppe conte
Jean Claude Juncker e Giuseppe Conte

Jean Claude Juncker ha risposto alle lettere del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che in due missive datate 14 e 17 luglio sottolineava l'importanza di attuare quanto deciso nel consiglio europeo dello scorso 28 giugno.

"L'Italia invoca da tempo, e a ragione, una cooperazione regionale sugli sbarchi, e quanto accaduto questo fine settimana (con la suddivisione di 450 migranti tra alcuni Stati Ue) dimostra un senso condiviso di solidarietà", scrive il presidente della Commissione Ue.

Tuttavia, continua, "queste soluzioni ad hoc non sono un modo di procedere sostenibile".

Juncker dice che la Commissione è disposta a coordinare la cellula di crisi suggerita dal premier italiano per risolvere la questione migranti, "ma solo come tappa in direzione di un quadro più stabile", e sottolinea come l'Unione "non ha competenza per determinare il porto sicuro da usare per gli sbarchi in seguito a un'operazione di ricerca e salvataggio in mare".

Juncker parla anche della necessità di riformare il regolamento di Dublino (quello che prevede che la richiesta d'asilo vada presentata nel Paese di primo approdo), definendola una cosa "essenziale". Peccato che proprio nel consiglio europeo del 28 giugno si sia messa una pietra tombale su quella riforma, stabilendo che non va approvata a maggioranza ma all'unanimità. E dando così a Stati come Polonia e Ungheria il diritto di veto su un eventuale sistema di ricollocamenti automatici dei migranti.

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...