CRONACA - MONDO

Delitto Politkovskaya e caso Pussy Riot: la Corte per i diritti umani condanna Mosca

anna politkovskaja
Anna Politkovskaja

La Corte europea per i diritti dell'uomo ha condannato la Russia per "non aver attuato le opportune misure investigative per identificare i mandanti dell'omicidio" della giornalista Anna Politkovskaya, avvenuto nel 2006.

"Lo Stato russo - si legge in una nota - non ha rispettato gli obblighi relativi all'efficacia e alla durata dell'indagine imposti dalla Convenzione europea sui diritti umani".

Stessa sorte per il trattamento riservato dai russi alle componenti delle Pussy Riot.

La Politkovskaya è stata uccisa il 7 ottobre di 12 anni fa nell'ascensore del suo palazzo a Mosca.

La polizia, dopo le dovute indagini, aveva ritrovato dei proiettili accanto al cadavere senza però riuscire a individuare il colpevole.

Qualche giorno dopo gli agenti sequestrarono il computer della donna che in quel periodo lavorava a un'inchiesta sulle forze di sicurezza cecene legate al primo ministro Ramsan Kadyrov.

La polizia moscovita finì dunque sotto accusa, ma nel 2009 il principale sospettato dell'insabbiamento - Sergej Chadžikurbanov - è stato assolto. La Corte europea però ha giudicato "insufficienti" gli sforzi russi per risolvere il caso.

A sinistra, Nadia Tolokonnikova, leader delle Pussy Riot
A sinistra, Nadia Tolokonnikova, leader delle Pussy Riot

E, come detto, biasimo è stato espresso dai giudici della Cedu anche per le indagini sulle attiviste anti-Putin della band Pussy Riot, arrestate nel 2012 con l'accusa di teppismo e istigazione all'odio religioso per un'esibizione non autorizzata contro il presidente russo, Vladimir Putin, accusato dalle stesse di brogli alle elezioni. Qualche giorno dopo la sentenza le aveva codannate a 2 anni di reclusione.

(Unioneonline/M)

in ricordo di anna politkovskaja assassinata a mosca 10 anni fa
In ricordo di Anna Politkovskaja, assassinata a Mosca 10 anni fa
al lavoro nella redazione della novaja gazeta
Al lavoro nella redazione della Novaja Gazeta
fiori per anna
Fiori per Anna
l unico dovere di un giornalista scrivere quello che vede diceva
"L'unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede", diceva
la giornalista durante un servizio in russia
La giornalista durante un servizio in Russia
la strage del teatro dubrovka a mosca nel 2002
La strage del teatro Dubrovka a Mosca, nel 2002
il massacro dei bimbi alla scuola di beslan (ossezia del nord) nel 2004
Il massacro dei bimbi alla scuola di Beslan (Ossezia del nord), nel 2004
soldati in cecenia
Soldati in Cecenia
anna politkovskaja assassinata a mosca il 7 ottobre del 2006
Anna Politkovskaja, assassinata a Mosca il 7 ottobre del 2006
fiori fuori dal palazzo dove la giornalista stata assassinata
Fiori fuori dal palazzo dove la giornalista è stata assassinata
una tavola del disegnatore sardo igort dedicata alla politkovskaja
Una tavola del disegnatore sardo Igort, dedicata alla Politkovskaja
di

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...