CRONACA SARDEGNA - NUORO E PROVINCIA

Orgosolo, chieste condanne per oltre un secolo alla banda che voleva rubare la salma di Ferrari

nel riquadro giovanni antonio mereu ritenuto il capo della banda
Nel riquadro, Giovanni Antonio Mereu, ritenuto il "capo" della banda

Si è conclusa con richieste di condanna per oltre un secolo - tra le quali spiccano i vent'anni sollecitati per il presunto capobanda Giovanni Antonio Mereu, noto Gianni "Caddina" di Orgosolo - la lunga requisitoria durata oltre sette ore nel processo in abbreviato contro la banda sgominata dalla direzione distrettuale antimafia tra la Sardegna, la Calabria e l'Emilia Romagna.

Tra i vari reati contestati al gruppo, presunti traffici di droga e di armi e il tentativo di furto della salma di Enzo Ferrari, sepolta a Modena, per poi chiedere il riscatto.

La parte più consistente della presunta banda è sotto processo a Nuoro ma oggi il procuratore aggiunto Gilberto Ganassi ha concluso una lunga requisitoria iniziata stamattina e proseguita nel pomeriggio, chiedendo una sfilza di condanne ai presunti vertici dell'associazione.

Tra i reati contestati, a vario titolo, ci sono l'associazione a delinquere finalizzata al traffico di armi e di droga, l'estorsione e vari altri reati.

Tra le richieste di condanna più consistenti, dieci anni agli orgolesi Pasquale Musina, Antonio Mereu ("Antoni Mannu"), Giovanni Succu e ai calabresi Francesco Riillo ed Emiliano Renato Bazzan.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...