CRONACA

Conte-Macron, è disgelo: domani incontro a Parigi

Telefonata distensiva questa notte tra Emmanuel Macron e Giuseppe Conte. È stato il presidente francese ad alzare la cornetta, lo ha riferito il ministro per gli Affari europei Nathalie Loiseau: "C'è il tempo dell'emozione e il tempo del lavoro per affrontare temi importanti come la crisi migratoria", ha affermato.

"I due - ha aggiunto - hanno avuto una conversazione cordiale".

Il presidente del Consiglio italiano questa mattina ha affermato che "il caso è chiuso" e confermato l'incontro di domani a Parigi: "Macron ha sottolineato - recita una nota di Palazzo Chigi - di non aver pronunciato alcuna espressione volta ad offendere l'Italia e il popolo italiano. Ha inoltre ricordato di aver sempre difeso la necessità di una solidarietà europea accresciuta nei confronti dell'Italia. I due Paesi devono approfondire la loro cooperazione bilaterale ed europea per una politica migratoria efficace".

Il premier italiano e il presidente francese si incontreranno dunque domani "per un pranzo di lavoro seguito da conferenza stampa".

"Parleremo di tutto: i temi sono sicuramente l'immigrazione, la modifica del regolamento di Dublino, e l'unione bancaria e monetaria", ha detto Conte.

Arriva il disgelo dunque, dopo una giornata di alta tensione tra Roma e Parigi. Salvini aveva chiesto a Macron le scuse per aver definito l'Italia "cinica e irresponsabile" sulla vicenda Aquarius, il presidente transalpino si era rifiutato ("Non chiediamo scusa ai provocatori") e Giuseppe Conte aveva lasciato trapelare che stava per annullare il vertice che dovrebbe tenersi domani a Parigi.

Di Maio però ha insistito chiedendo nuovamente le scuse: "Macron è ancora in tempo per scusarsi, ma finché non arriveranno le scuse noi non possiamo indietreggiare: Conte ha fatto bene a rimettere in discussione la sua visita a Parigi. Non si può sopportare che ci faccia la morale chi ci ha abbandonato e respinto alla frontiera di Ventimiglia migranti: c'è addirittura il sospetto che respingessero minori, e questo non si può fare".

E ancora: "La notte ha portato consiglio, reputo questa telefonata un primo segnale di disgelo. Aspettiamo la decisione del presidente Conte".

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...