POLITICA

Lega-M5S: Mattarella vuole il testo definitivo del contratto. Salvini: "A noi gli Interni"

luigi di maio e matteo salvini
Luigi Di Maio e Matteo Salvini

"Oggi si chiude". Lapidario il capo comunicazione M5S Rocco Casalino, che entrando a Montecitorio rivela ai cronisti che il contratto di governo oggi verrà ultimato.

E lo conferma anche Matteo Salvini: "Sul programma abbiamo quasi chiuso, forse andiamo al Quirinale prima di lunedì".

Il leader del Carroccio spiega in una diretta Facebook di aver trovato "un punto d'incontro su come smontare la legge Fornero", prima di tornare a parlare di sbarchi e migranti.

"Con l'estate c'è il rischio che ricomincino gli sbarchi, l'Italia non deve calare le braghe e far finta che non esistano i confini e che ci siano casa e lavoro per tutti. Un ministro della Lega che si occupi di sicurezza e di confini ne sarebbe garante, in Italia entra solo chi ha il permesso", afferma Salvini, che poi spiega come questo punto - uno di quelli caldi, indicati tra le divergenze due giorni fa dal leader del Carroccio - sia entrato nel contratto di governo.

Fare il premier? "Per me sarebbe l'onore più grande al mondo, ma con la certezza che andando al governo non da premier potrei fare cose utili per il Paese, mi metto in gioco e se serve faccio un passo di lato".

Al leader del Carroccio non sono andate giù le critiche alla bozza di contratto da parte della stampa italiana e della Ue. "Tutti ci attaccano e provano a fermarci coi soliti ricatti dello spread che sale, delle Borse che scendono e delle minacce europee. E più ci attaccano più mi viene voglia di fare questo governo".

DI MAIO - E lo stesso Di Maio conferma le parole di Rocco Casalino: "Entro oggi dovremmo chiudere col programma, mi dicono dal tavolo del contratto che sono quasi arrivati alla fine. Ci sono da sistemare alcune questioni dirimenti, ma ci stiamo lavorando".

Interrogato sulla posizione M5S su Ue ed euro, il capo politico pentastellato glissa: "Vedrete il contratto e capirete quale sarà stata la sintesi politica". E sullo spread, tornato a salire dopo le rivelazioni sulla bozza di contratto dell'Huffington Post: "Non mi preoccupa".

Sui nomi invece si sta ancora discutendo, e si fa avanti l'ipotesi - difficile per la verità - di una staffetta a Palazzo Chigi tra i due leader, nell'ottica di un governo di legislatura, che duri cinque anni.

Tuttavia Di Maio, interrogato dai cronisti, afferma: "Il premier sarà politico. Quanto a me e Salvini, mi auguro che ci saremo nell'esecutivo, sarebbe un modo per metterci alla prova. Ma se serve a far partire il governo siamo pronti anche a stare fuori".

MATTARELLA ATTENDE LA BOZZA DEFINITIVA DELL'ACCORDO - Intanto dal Quirinale è arrivata la precisazione secondo cui il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sia in attesa di consultare il programma definitivo, non la bozza dell'accordo lasciata dalle delegazioni lunedì.

"Il Capo dello Stato non esamina bozze, ma i testi definiti, frutto della responsabilità dei partiti che concludono accordi di governo", ha fatto sapere ancora l'ufficio stampa del Quirinale.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

IL NODO PREMIER - Da giorni il nodo resta sempre lo stesso: chi siederà sulla poltrona di presidente del Consiglio? Lo ha ammesso con franchezza Luigi Di Maio ieri sera, nel corso di un incontro con i parlamentari M5S. "Sull'accordo - avrebbe detto il leader secondo indiscrezioni trapelate da fonti pentastellate - ci siamo, si chiude nell'arco di 48 ore. È un contratto di governo che soddisfa sia noi che la Lega: dentro ci sono tutti i punti più importanti, i loro e i nostri, per dare vita a un vero governo di cambiamento".

"Il nodo da sciogliere è uno, la premiership", ha affermato, per poi tracciare tutte le ipotesi in campo.

Che sono tre: quella di un premier esterno e condiviso, "ma è difficile trovarne uno che ci metta d'accordo", ha ammesso; quella della staffetta, ma "anche qui è complicato, dovremmo decidere chi parte". Infine, la più improbabile: "Una staffetta con due nomi esterni, uno nostro e l'altro della Lega".

Parlando di Salvini, Di Maio avrebbe detto che il gioco di squadra procede bene: "Ogni tanto fa il tira e molla, ma lui è molto più lineare della vecchia Lega".

(Unioneonline/L)

LA BOZZA CHE SPAVENTA I MERCATI:

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...