CRONACA - ITALIA

Sorelle morte nel rogo di Centocelle, arrestati due dei quattro responsabili

una manifestazione in memoria delle tre sorelle
Una manifestazione in memoria delle tre sorelle

Due dei responsabili del rogo del camper di Centocelle, in cui persero la vita tre sorelle rom, Elisabeth, Francesca e Angelica Halilovic, sono stati arrestati dalla polizia a Torino.

Si tratta dei due fratelli Seferovic su cui sin dall'inizio si erano concentrate le indagini delle forze dell'ordine.

Serif, 20 anni, con precedenti per reati contro il patrimonio, è stato fermato con l'accusa di omicidio plurimo, tentato omicidio plurimo, detenzione, porto ed utilizzo d'arma da guerra e incendio doloso. Andrea, 18 anni, è stato arrestato per incendio doloso.

IL ROGO - Era la notte del 10 maggio scorso quando un camper parcheggiato nel centro commerciale "Primavera", a Centocelle, prendeva fuoco: delle 13 persone all'interno, un'intera famiglia, morirono tre sorelle di 20, 8 e 4 anni.

Fiori sul luogo del rogo
Fiori sul luogo del rogo

GLI ARRESTI - Alla base dell'incendio, hanno ricostruito le indagini, ci sarebbe una faida tra gli Halilovic e i Seferovic che andava avanti da tempo, tra episodi di litigi e danneggiamenti.

Dopo il fatto i due fratelli sono scappati in Bosnia: al loro ritorno in Italia, sono stati rintracciati a Torino e arrestati; Serif al mercato dell'usato, dove aveva allestito una bancarella. Andrea a Moncalieri, mentre dormiva nel suo furgone.

GLI ALTRI COINVOLTI - Altre due persone sarebbero coinvolte nella vicenda ma nessuno dei due si trova in questo momento in Italia: entrambi (uno è minorenne) sono destinatari di un'ordinanza di custodia cautelare.

(Redazione Online/D)

LA VICENDA:

LE INDAGINI:

IL LUTTO CITTADINO:

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...