CRONACA SARDEGNA - SASSARI E PROVINCIA

Ustica, la figlia del radarista sardo: "Se avesse denunciato sarebbe ancora vivo"

i rottami del dc 9 itavia caduto a ustica
I rottami del Dc 9 Itavia caduto a Ustica

Il mese scorso la Procura di Grosseto ha disposto la riesumazione della salma di Alberto Dettori, maresciallo dell’Aeronautica militare di Pattada, trovato impiccato nel 1987 vicino al fiume Ombrone, a pochi chilometri da Grosseto.

Il sottufficiale, radarista, era in servizio nella base di Poggio Ballone la sera del 27 giugno 1980 quando il Dc 9 dell’Itavia, con 81 persone a bordo, si inabissò nelle acque davanti a Ustica. L’iniziativa della Procura è arrivata dopo le richieste della famiglia, in particolare della figlia Barbara, e dell’associazione antimafia "Rita Atria". "Qui finiscono tutti in galera", aveva detto alla moglie al rientro a casa. Poi non era più tornato sull’argomento. "Se avesse denunciato, forse sarebbe ancora vivo", dice la figlia che non crede al suicidio e chiede giustizia.

L'articolo completo su L'Unione Sarda in edicola

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...