CRONACA

Referendum trivelle, la Chiesa sarda scende in campo: "Salviamo il creato"

piattaforme per l estrazione in mare
Piattaforme per l'estrazione in mare

Referendum del 17 aprile, i vescovi dell’Isola scendono in campo contro le trivelle.

Mentre proseguono le polemiche sul fronte politico, la Conferenza episcopale sarda chiama "i cattolici in particolare" ad adottare una "posizione ragionata e documentata" e chiede alle comunità ecclesiali un ampio dibattito "alla luce dell’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco".

I vescovi hanno riassunto il loro punto di vista in una nota firmata dal segretario, monsignor Sebastiano Sanguinetti.

A proposito del "prossimo referendum nazionale pro o contro le trivellazioni a mare per la ricerca ed estrazione di petrolio e gas, ritengono che si tratti di una questione particolarmente importante e delicata".

Proseguono: "In linea con il Consiglio permanente della Cei, concordano che l’argomento sia dibattuto e approfondito nelle comunità ecclesiali per favorirne una soluzione appropriata alla luce dell’enciclica Laudato si’. La salvaguardia del Creato, che comprende sempre anche la dimensione dell’ecologia umana e la promozione del lavoro per l’uomo, posto dal Creatore a custodire e coltivare la terra, è un impegno e una responsabilità di tutti, cittadini e istituzioni. Al tempo stesso, la ricerca tecnologica di energie rinnovabili e sempre meno inquinanti è una priorità non più procrastinabile".

© Riproduzione riservata







Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...