CRONACA

Iglesias si scopre città multietnica: rumeni e senegalesi i più numerosi

Iglesias parla rumeno. Ma anche cinese, senegalese, russo e pakistano, giusto per citare le nazionalità tra le più diffuse in città.

Una città che - a dispetto della crisi - si scopre multietnica ed è apprezzata anche da cittadini di paesi europei che, in quanto a sistema sociale, fanno invidia: Germania, Gran Bretagna e Olanda, ad esempio.

La comunità più numerosa è proprio quella rumena: dei 419 cittadini stranieri residenti - secondo i dati elaborati dall'anagrafe comunale e aggiornati al 31 dicembre del 2015 - rappresentano la maggioranza: 108, di cui 100 sono donne, impegnate prevalentemente come badanti.

Scorrendo l'elenco si scopre che la "povera" Iglesias - pur alle prese con gravi problemi economici e sociali - è sempre più una città multietnica.

Folta - dopo quella del paese europeo - è anche la presenza dei senegalesi: 44 uomini e 15 donne. Un po' meno i cinesi: 48, di cui 27 uomini e 21 donne. I marocchini, invece, sono 21 con una prevalenza femminile: 21.

Ma sono molte altre le bandiere che "sventolano" nelle case di Iglesias e tra esse ce ne sono 12 con i colori inglesi, 5 con i colori tedeschi, 2 olandesi.

E c'è anche chi - proprio perché qui si trova bene - decide di prendere la cittadinanza italiana. Nel 2015 lo hanno fatto 7 persone: l'ultima è stata, venerdì scorso, Pari Amtal, pakistana, mamma di 5 figli.

Il marito, Aurang Zeb, aveva ottenuto la cittadinanza italiana già 3 anni fa. È lui - commerciante ambulante - a confermare che non ci sono mai stati problemi di integrazione: "Prima eravamo residenti a Gonnesa, poi ci siamo stabiliti qui. Abbiamo sempre rispettato tutti e lo stesso è stato fatto con noi. L’unico problema è che da almeno 2 anni il lavoro è calato moltissimo e mandare avanti la famiglia è dura".

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine







Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...