#CARAUNIONE

La lettera del giorno

Video-poesia in omaggio ai pastori sardi: "Seus tottus pastoris", di Claudia e Francesca

"Non ce l'hanno chiesto cosa significhi svegliarsi alle 4 del mattino per accudire gli animali, sudare..."

Riceviamo da Bologna, da Francesca Gasbarra di Porto Torres, e Claudia Serra di Serramanna, una video-poesia dedicata ai pastori per le loro fatiche e sacrifici non adeguatamente riconosciuti.

***

Non ce l'hanno chiesto

Cosa significa svegliarsi alle 4

Del mattino

Prendersi cura dei propri animali

Sudare ed esserne soddisfatti.

Non ce l'hanno chiesto

Cosa significa essere sempre

Sempre

Gli ultimi,

Sentire il proprio lavoro

Sfruttato e soggiogato.

Non ce l'hanno chiesto

E non ce lo siamo chiesti

Nemmeno noi

Perché siamo un popolo

Diviso, arrabbiato,

A volte ostile.

Non ce l'hanno chiesto

Cosa significa essere quelli

Delle spiagge bianche

Selvagge

Delle estati roventi

E del maestrale forte.

Non ce l'hanno chiesto

Cosa significa essere

Solo le nostre estati

E mai inverno,

Che invece arriva scuro

E triste.

Perché noi siamo vacanza

Sole alto e mare cristallino.

Non ce l'hanno chiesto

Cosa significa

Buttare il frutto del nostro lavoro

Versare fiumi di latte

Le strade bianche

Bloccate

Su quell'unica via

Che ci porta al paradiso.

Non ce l'hanno chiesto...

Ma ve lo diciamo noi:

Seusu sardusu

E seusu tottus pastorisi.

#iostoconipastorisardi

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...