#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"La crisi della Chiesa e i beni sacri all'asta al miglior offerente"

La riflessione di un lettore sulle chiese che si svuotano e la conseguente decisione di Papa Francesco di metterle in vendita
papa francesco (foto ansa)
Papa Francesco (foto Ansa)

"Gentile redazione,

nei giorni scorsi il Vaticano ha fatto sapere che le chiese sono sempre più vuote. Il capo del Vaticano, invece di meditare sulle cause della fuga e di pianificare come logica pretenderebbe una strategia di rientro, ha consigliato di vendere le chiese e di devolvere il ricavato ai poveri.

Per pararsi da eventuali critiche di responsabilità individuali, ha asserito che "lo svuotamento va accolto nella Chiesa non con ansia, ma come un segno dei tempi".

Evidentemente, per Bergoglio, i beni ecclesiastici, le chiese, i monasteri e gli oggetti sacri contenute in essi, non sono una forma di lode e ringraziamento a Dio e soprattutto un luogo dove i cristiani possono pregare e adorare il figlio dell'uomo, ma insignificanti strutture murarie senza valore spirituale e culturale da mettere all'asta al miglior offerente".

Gianni Toffali - Verona

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...