Pimentel

PIMENTEL o PIMENTELLO, villaggio della Sardegna nella provincia di Cagliari, compreso nel mandamento di Guasila e nella prefettura di Cagliari. È contenuto dentro l’antica curatoria del regno Cagliaritano.

La sua situazione geografica è nella latitudine 39° 56', e nella longitudine occidentale dal meridiano di Cagliari 0° 4'.

Siede alla falda orientale di alcune colline, dalle quali è impedita alcun poco la ventilazione della parte del ponente e de’ suoi prossimi punti: e perchè alcuni altri poggi sorgono in poca distanza alla parte del levante e del greco, però la sua situazione può considerarsi come avvallata. Ed è diffatti giacente in un fondo e diviso in due parti da un perenne rivoletto. Da ciò nasce la forza del calore nell’estate, la tepidità dell’atmosfera nell’inverno, la nebbia, l’umidità. L’aria non è salubre ne’ tempi, che ne’ luoghi pantanosi della valle fermentano i fanghi, e lo è ancora meno quando il vento vi versa i miasmi delle terre di Barràli. Sono anche dentro il paese molte cause di malignità, e non era poca quella che usciva da’ sepolcri.

Il territorio de’ pimentellesi non è maggiore di 4 miglia quadrate, di starelli 3400, parte collino, parte vallivo, e tutto facilmente coltivabile.

Sono in esso alcune fonti, e di esse le più notevoli sono, quella che trovasi alla parte boreale del paese, che si raccoglie in alcune vasche per abbeverarvi il bestiame, per bevanda delle famiglie che non hanno pozzi di buona vena e per altri bisogni; quindi quella che è nominata di Solaris, a distanza di mezzo miglio dall’abitato, verso greco-tramontana, di acqua molto migliore della prima, donde però si provedono tutte le famiglie agiate. A distanza di un’ora sono varie sorgenti di acque ottime.

Manca affatto il bosco, e ne’ luoghi incolti è raro che trovisi qualche arbusto.

I selvatici sono lepri, conigli e volpi.

Popolazione. Questo paese nominato dal titolo del signore straniero, che possedeva la Trecenta, è di poca antichità, e vuolsi sia stato stabilito nel 1670.

Il numero attuale de’ suoi abitanti è di circa 655, totale risultante da maggiori di anni 20 maschi 200, femmine 217, minori maschi 125, femmine 112, che si spartiscono in circa 170 famiglie.

Pimentello è diviso, come già notai, da quel rivo-letto in due rioni, o vicinati, come dicesi, uno nominato Nuraxi opposto al greco-levante, l’altro Saceni di incontro al ponente-libeccio.

L’ordinario annuo numero delle nascite è 20, delle morti 13, di matrimoni 7.

Per la cura sanitaria basta un sol flebotomo, che a tutte le malattie applica la panacea universale della lancetta. Per buona sorte che i temperamenti sono forti, e che poco i corpi patiscono dopo superati i pericoli della prima età, e che molti si abbandonano al beneficio della natura.

Le malattie più frequenti sono le infiammazioni di petto, i dolori di punta, e le febbri intermittenti.

La principale professione è quella dell’agricoltura, alla quale sono applicati tra maggiori e minori non meno di 220 persone, quindi quella della pastorizia, nella quale si possono numerare 25 individui.

Alle arti meccaniche de’ muratori, fabbriferrari, falegnami non istudiano più di 10 individui, i quali quando sono disoccupati da’ lavori di queste arti vanno a lavorar sul campo.

Le persone che non facciano alcun’opera sono rarissime e forse si contan sulle dita.

Le donne lavorano nel telajo, e di queste macchine (d’antica forma) quasi tutte le case son fornite. Molte donne han lucro dalla vendita delle tele.

La istruzione primaria è, come generalmente nelle altre parti, poco curata; i fanciulli, che concorrono alla medesima circa 10. Forseperò non saranno 12 in tutto il paese che sappian leggere e scrivere.

Agricoltura. Di quella superficie coltivabile, che sopra notai (starelli 3400), due mila e trecento starelli sono dedicati a’ cereali, con alterno esercizio e riposo, il rimanente è nel vigneto, nel prato e nel salto.

Le quantità solite delle seminagioni sono le seguenti, di frumento star. 700, d’orzo 200, di fave 320, di legumi (cicerchie, piselli, caci, lenticchie) 60, di lino 120.

La fruttificazione è abbondevolissima se il cielo favorisce alla vegetazione con la opportunità delle pioggie, e se nel tempo della fioritura e dell’ingranimento non incomba sopra i seminati nessuna nebbia venefica. Questa in poche ore diminuisce a metà, e pure a un decimo e a un ventesimo, la raccolta.

Le vigne danno buoni vini se le uve sono manipolate con qualche intelligenza.

Tra le viti sono alberi fruttiferi di molte specie, ma non in gran numero. Vi sono prosperi e danno ottimi frutti.

L’orticoltura è ristrettissima, perchè non si produce più del bisogno di alcune famiglie.

La pastorizia non cura che pecore, vacche e porci.

Il bestiame domito consiste in buoi di lavoro 270, cavalli 60, giumenti 200.

Il bestiame rude in vacche 220, pecore 3000, porci

350.

Si fa formaggio del latte pecorino, ma molto meno che voglia la consumazione, e di poco pregio, perchè non si sa fare.

Commercio. Gli articoli che i pimentellesi danno sono i soli cereali; però quando per la irregolarità delle stagioni mancano questi prodotti, essi non san che fare, e non hanno altro ramo da cui procurarsi le cose di cui abbisognano.

In anno di fecondità posson lucrare circa 35 mila lire.

Il paese trovasi in poca distanza dalla strada provinciale (da Cagliari all’Ogliastra, quando sarà finita), e potrebbe riunirsi con poca spesa.

Religione. I pimentellesi sono compresi nella giurisdizione dell’arcivescovo di Cagliari, e diretti nelle cose spirituali da un prete che si qualifica rettore.

La chiesa parrocchiale è dedicata a N. Donna sotto il titolo del Carmelo, alla quale nel proprio giorno si festeggia pomposamente e lietamente. In occasione della medesima concorrono molti forestieri e si corre il palio.

Invece del camposanto si ha un cimiterio prossimo alla parrocchia in mezzo del paese.

Antichità. Furono già in questo territorio alcuni nuraghi, e certamente ve n’era uno in quella parte del-l’abitato, che ritiene il nome del medesimo e appella-si Nuraxi; ma essendo stati tolti e adoperati i materiali in altre opere, or non ne appariscono neppur le vestigie.

Sono notevoli alcuni di quegli antichi ipogei, de’ quali spesso negli articoli sulla Sardegna si fa menzione, e che si sono sempre stimati sepolcri della primitiva popolazione.

Essi si trovano alla distanza di poco più d’un miglio dall’abitato. I pimentellesi indicano essi pure siffatte caverne col nome di domos de ajanas (case di vergini o fate).

In due diversi siti di questo territorio vedonsi chiare le vestigie di due popolazioni, una verso tramontana, dov’era la chiesa di s. Giacomo, della quale si è dimenticato il nome; l’altra verso maestrale, ed era l’antica villa Dei, di cui altrove si è fatta menzione.

 
loading
Edicola de L'Unione Sarda