Calcio

"La fascia di Astori non si tocca, multateci pure", parla Biraghi della Fiorentina

Mercoledì 05 Settembre alle 19:22 - ultimo aggiornamento alle 20:03


Davide Astori (foto Ansa)

Anche dal ritiro della Nazionale continua a tenere banco la polemica sulle fasce di capitano, dopo l'annuncio della Lega Calcio di sanzionare le squadre che non si uniformeranno a quella uguale per tutti, che reca solo la scritta "capitano", sul modello della Premier League.

A intervenire nella querelle è il giocatore della Fiorentina Cristiano Biraghi, che ha parlato dell'uso da parte del capitano viola German Pezzella di una fascia che ricorda Davide Astori - morto lo scorso 4 marzo - nelle prime tre giornate di campionato.

"La nostra fascia non c’è neanche bisogno di descriverla. Ci rappresenta e non deve essere messa mai in discussione", ha detto l'esterno.

Il calciatore ha inoltre affermato che il club è pronto a ricevere ammende: "Disposti a pagare la multa dalla Lega? Certamente, perché non c’è niente di male nel ricordare un grande uomo, un nostro grande compagno e una nostra guida come era Davide"

(Unioneonline/F)

 
davide astori
Trovato morto Davide Astori. La serie A si ferma

 
nel riquadro davide astori
Firenze, addio a Davide Astori. "Era onesto e leale con tutti"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Prometeo59 06/09/2018 08:23:57

    Povero Davide, ancora non ti si lascia in pace. Arrivederci, amico.