Calcio

Serie D: il Latte Dolce rinuncia al progetto, la Torres va avanti con Sechi

Mercoledì 20 Giugno alle 16:38


La tribuna del Vanni Sanna di Sassari

Divergenze parallele.

Nessuna collaborazione tra le due società di Sassari, che restano distinte e faranno la serie D ognuna per conto proprio.

Il presidente rossoblù Salvatore Sechi aveva dichiarato: "Il progetto non mi piace, se vogliono realizzarlo e fare una polisportiva, comprino la Torres entro 48 ore".

Oggi è arrivato un nuovo comunicato del Latte Dolce.

"In questo clima di tensione e rissa mediatica diventa complicato portare avanti qualsiasi attività e sostenere qualsiasi proposta. La collaborazione che avevamo in mente, sarebbe dovuta nascere in un clima di piena e totale serenità collettiva, situazione ideale per la società sportiva e gli imprenditori interessati al progetto", si legge nel documento.

I dirigenti e imprenditori dell'altra realtà sassarese spiegano: "Non è mai stata palesata l'intenzione di acquistare la Torres: l'intento era quello di costruire, insieme, un progetto basato sulla condivisione di idee e obiettivi. Abbiamo verificato che tale progetto è irrealizzabile proprio per la totale mancanza di condivisione delle sopra citate idee e dei sopra citati obiettivi. Indipendentemente dalla nostra volontà, al momento non ci sono i presupposti per portare avanti il tipo di collaborazione immaginata. In futuro, chissà".

Insomma, come due anni fa Torres e Latte Dolce saranno avversarie sul campo e probabilmente la rivalità sarà più accesa che mai.

I rossoblù tra l'altro proprio oggi riportano la sede legale a Sassari grazie all'incorporamento dello Sporting Sassari.

L'estate scorsa infatti la Torres era ripartita con una società differente da quella gestita da Daniele Piraino e messa in liquidazione perché gravemente indebitata, ma per giocare in Eccellenza coi colori rossoblù Sechi e soci avevano dovuto rilevare il Tergu e cambiarne la denominazione, chedendo di giocare al "Vanni Sanna" di Sassari.

Da oggi la Torres è nuovamente nel suo luogo di origine.

 
amichevole fra torres e latte dolce
Il Latte Dolce propone alla Torres una Polisportiva: "Serve unire, non dividere"

 
il presidente sechi (a destra)
La Torres in vendita. Ultimatum di Sechi: "Gli acquirenti hanno 48 ore di tempo"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Prometeo59 21/06/2018 11:57:32

    Peccato! Un'occasione perduta per rivedere la Torres in categorie superiori. La Torres doveva comprare il Latte Dolce e non viceversa. Ma quanti ricchi(e ci sono, lo so per esperienza), tirchi e menefreghisti ci sono a Sassari. Comunque forza Torres e forza Latte Dolce(sono nato a Sassari, ho tutti i parenti lì, ma ho sempre vissuto a Cagliari per il lavoro di pio padre). Buon campionato ad entrambe. E non fate risse allo scontro diretto.