Calcio

Giulini: "Sentenza giusta per una semplice leggerezza"

Mercoledì 16 Maggio alle 20:30


Tommaso Giulini

"Il ragazzo non essendosi mai dopato si ritiene assolutamente innocente e sperava di essere assolto. Invece è stata riscontrata una leggerezza ed è giusto che si faccia questi 6 mesi di squalifica".

Ha salutato così la sentenza del Tribunale Nazionale Antidoping Tommaso Giulini, una volta appreso che Joao Pedro non dovrà restare lontano dai campi da calcio per 4 anni, come richiesto dalla Procura, per essere risultato positivo all'idroclorotiazide.

Ora, però, ha aggiunto il patron rossobù, "spero non incappi più in questo tipo di comportamenti''.

''L'assoluzione sarebbe stata la cosa più corretta - sottolinea comunque Giulini - ma la condanna è accettabile. Aspetteremo - ha aggiunto - fino a metà settembre e purtroppo non ce l'avremo a disposizione fino a domenica, dove ci giochiamo tutto e dobbiamo assolutamente vincere sperando che le altre squadre come Napoli e Sampdoria facciano le loro partite come sempre fatto''.

Poi una sorta di repetita iuvant' a tutti gli altri giocatori rossoblù affinché si attengano sempre alle regole: "Gli ripetiamo certe cose dieci volte l'anno e firmano un regolamento di condotta. Penso debba essere un messaggio arrivato grazie a uno dei giocatori più importanti della nostra rosa. Sarà un grande testimonial in questo senso per tutti'', ha concluso Giulini.

(Unioneonline/l.f.)

 
joao pedro
Doping, 6 mesi a Joao Pedro. Sarà in campo a settembre

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • ziaCAGLIARI 17/05/2018 17:14:29

    DAVIDE ASTORI, THOMAS RODRIGUEZ, HAMZA BRINISS, il calciatori iniziano a morire come funghi, e nessuno argina l’origine di queste morti: farmaci presi da gente sana. i tanti ciclisti morti nel sonno non hanno ancora insegnato nulla; alle autorità, agli atleti, ai media. In nome del DIO DENARO si trascura la vita, facendo di tutto per coprire la tragica realtà, di uno sport fatto di gente impasticcata. insegnate ai vostri figli, a giocare a bocce, se volete che vivano a lungo. ziaCAGLIARI
  • user216241 17/05/2018 12:02:21

    Sono d'accordo che ci siano allenatori più preparati, ma se domenica avessimo pareggiato, cosa c'entra Lopez quando un Farias sbaglia gol che anche mio figlio allievo di 16 anni, avrebbe messo dentro. Il prossimo anno, si pensi all'allenatore ma di più a qualche bidone da piazzare.
  • zapata62 16/05/2018 22:15:47

    e sa pira chi tenisi in conca esti de mera in terra;)
  • Lando65 16/05/2018 21:20:56

    Caro presidente..se al tempo maturo per l'esonero avesse cambiato allenatore con uno più competente,ora non starebbe a sperare e pretendere che le altre squadre sbaglino.Se per puro c...la squadra dovesse salvarsi,il prossimo anno dia priorità all'esperienza di un tecnico e non ai sentimentalismi,certi giocatori rimarranno tali,bravi nei loro ruoli all'epoca ma come allenatori è meglio che lascino perdere visto i precedenti in altre squadre.