Calcio Regionale

Eccellenza: Samassi-Castiadas finisce 2-2

Sabato 21 Aprile alle 18:57 - ultimo aggiornamento alle 21:48


Finisce in parità (2-2) l'anticipo dell'ultima giornata del campionato di Eccellenza fra il Samassi e il Castiadas.

Una gara senza interesse di classifica col Castiadas di Sebastiano Pinna già promosso in Serie D e col Samassi fuori dai playoff.

Ne è venuta fuori una gara abbastanza piacevole fra due squadre che hanno messo in luce il proprio bagaglio tecnico.

Al 5' Mesina ha colpito un legno della porta del Samassi.

Lo stesso Mesina grida al rigore poco dopo.

Il Samassi si fa poi pericoloso con Sogus; gli ospiti con Piras.

Al 23', il Samassi in vantaggio. Segna Nurchi con un secco diagonale.

Quattro minuti dopo di pareggio siglato da Mesina.

L'argentino Bravo all'esordio col Castiadas fa una splendida giocata al 27'. La sua conclusione finisce di poco alta.

Nella ripresa Boi salva su Nurchi. Lo stesso Boi qualche minuto dopo impegna il portiere locale Manis. Nella ripresa altre occasioni da una parte e dall'altra. C'è anche un valzer di sostituzioni.

Il Samassi al 33' torna in vantaggio con Dessena su retropassaggio di un giocatore avversario.

Tre minuti dopo il pari definitivo del Castiadas con Boi che di testa gira alle spalle di Manis un angolo di Cordeddu.

A fine gara tutti soddisfatti.

Il presidente del Castiadas Pierpaolo Piu, parla di "una stagione straordinaria: siamo tornati in Serie D con largo anticipo, subendo una sola sconfitta in tutta la stagione. Un successo strameritato. Ora ci auguriamo che ai playoff ci raggiunga un'altra squadra sarda. Ringrazio i tifosi, il patron Cenzo Zaccheddu il mio vice Mauro Vargiolu, tutta la società, il tecnico Sebastiano Pinna, i giocatori, i tifosi, il Comune. La nostra è stata una vittoria di gruppo fortissimamente voluta. Andiamo in Serie D per restarci".

L'allenatore Pinna, invece, dice: "Una stagione indimenticabile, straordinaria, senza flessioni. A Castiadas mi sono, trovato benissimo".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook