Calcio

Doppio Kessiè risponde a Barella
Il Milan la ribalta all'Arena: 1-2

Domenica 21 Gennaio alle 14:53 - ultimo aggiornamento alle 21:09


Il Cagliari si fa rimontare e cede alla Sardegna Arena al Milan di Gattuso, in una partita equilibrata fino all’ultimo secondo. E a due facce: decisamente più bello e spettacolare il primo tempo, a dispetto di una ripresa in cui il Milan non ha gestito il risultato come avrebbe dovuto ma è riuscito a portarlo a casa, complice un Cagliari incapace di rendersi pericoloso.

Il Milan parte bene, guadagna subito un paio di angoli e ci prova da fuori con Calhanoglu, ma al primo affondo il Cagliari passa.

Lo fa con una bellissima azione di Barella, che partendo da destra supera Calabria, si accentra e conclude di piatto destro a girare. Il tiro non è irresistibile, neanche Donnarumma che si fa superare agevolando così il vantaggio rossoblù.

Una manciata di secondi dopo il Cagliari si fa trovare impreparato, ma Kalinic non è lesto a concludere a tu per tu con Cragno e spreca il possibile pareggio.

Il Milan attacca a testa bassa, ma i rossoblù tengono bene in difesa e quando si affacciano in area avversaria fanno tremare il Diavolo: prima con una doppia conclusione di Faragò (respinta) e Ionita, altissima ma da ottima posizione; poi con Farias che, illuminato da un grande assist di Cigarini, si fa respingere il destro da Donnarumma.

In mezzo un altro infortunio per Pattolino Sau (al suo posto Farias), stagione veramente stregata la sua, e una grande uscita di Cragno su Kalinic.

LA RIMONTA - Ma il Milan cresce col passare dei minuti e al 36’ trova il pari. Ingenuo il fallo in area di Ceppitelli su Kalinic, Kessie trasforma dal dischetto.

È il momento dei rossoneri, che prima sfiorano il vantaggio con Kalinic che conclude debolmente su assist di Kessie, poi lo trovano. Ancora con l’ivoriano che si infila in area e sfrutta alla perfezione l’ottimo lavoro dello stesso Kalinic, che gli serve una palla che va solo spinta in rete.

LA RIPRESA - Nella ripresa parte ancora bene il Diavolo, che ci prova prima con Kessie, fiacco, poi con Bonaventura che costringe a un autentico miracolo Cragno.

La risposta del Cagliari è tutta in un lungo lancio per Pavoletti, Donnarumma esce coi pugni e lo anticipa servendo però Farias che, come spesso gli capita quest’anno, si dimostra per niente spietato quando si tratta di metterla dentro.

I rossoneri non gestiscono bene il risultato, fanno poco possesso palla e si limitano alle ripartenze, ma il Cagliari non riesce a creare pericoli. Nel finale Lopez si gioca anche la carta Cossu e può usufruire della superiorità numerica. Rodriguez viene espulso per doppia ammonizione, entrambi i falli su un incontenibile Faragò.

IL FINALE - Ma subito dopo è doppia doccia fredda per Lopez. Prima l’ammonizione per proteste di Pavoletti, ingenuità che costa cara al centravanti diffidato e al Cagliari, che dovrà farne a meno nella delicatissima sfida salvezza di Crotone. Una manciata di minuti dopo l’ingenuità è di Barella che, già ammonito, commette un brutto fallo a centrocampo e si guadagna il rosso. Nella sfida salvezza di Crotone Diego Lopez dovrà fare a meno di due punti fermi del suo Cagliari. E forse è questa, più della sconfitta, la notizia più brutta della giornata.

Come se non bastasse, all’ultimo assalto, il colpo di testa in mischia di Faragò finisce d’un soffio a lato.

(Unioneonline/L)

 
Le pagelle rossoblù, Cragno fa il massimo

IL COMMENTO DI GATTUSO - VIDEO:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

100 commenti

  • ziaCAGLIARI 27/01/2018 18:37:27

    RINNOVARSI per CRESCERE, per CAMBIARE – CAGLIARI-MILAN 1-2 del 21/01/18 ci ha indicato la strada: tifare per il fallimento della Gestione GIULINI, a costo di tifare contro il nostro amato CAGLIARI. Questo LOPEZ dei miracoli stava per spappolare il MILAN se fosse andato sul 2-0, visto come barcollavano i rossoneri, ed una vittoria conseguita con questi 11 bidoni rossoblu avrebbe perpetuato per anni il nostro attuale ritardo di una GOVERNANCE moderna, basata sull’AZIONARIATO POPOLARE ROSSOBLU.
  • user221837 27/01/2018 01:55:01

    @markemil , bellixeddu , non sono stato io a pagare Storari 700.000 €uro all'anno e così Padoin 700.000 , Isla 1.400.000 (era sempre in volo da una parte all'altra dell'Atlantico causa Nazionale cilena, etc....guarda che quando parli di qualcuno che approfitta e che infanga sempre le stesse persone, ti devi riferire a qualcun altro. La valigia ,con tutti gli euro dentro, sono fatti,così come la condanna. E' la cronaca bellezza!!! o pensi di poter scrivere solo tu?
  • asterisco 25/01/2018 15:17:02

    Io ho apprezzato il lavoro di Capozucca, ho solo detto che non lo vedo straordinario. Poi non voglio giudicare cose che non conosco nel dettaglio, tipo decisioni prese da chi per fare cosa o budget disponibili per il DS. Zio Franco anche Romagna é stato sottovalutato ma ora é un intoccabile, anche per i tifosi. Purtroppo nel bar sport la lingua é sfrenata, e alcuni neppure amano il Cagliari.
  • user222836 25/01/2018 11:51:23

    Come sempre d'accordo MarkEmil. Ancora in molti non hanno capito che siamo ancora a galla proprio per il lavoro di Capozucca. Se non fosse arrivato non solo non saremmo risaliti ma saremmo già dove probabilmente arriveremo nel giro di 3/4 anni. Quanto agli acquisti sinora effettuati basta guardare che non c'è un solo giocatore pronto a essere buttato nella mischia e abbiamo detto tutto!
  • ZioFranco 25/01/2018 10:35:00

    Sono d'accordo con Asterisco che Faragò è risultato un acquisto giusto per noi ma il problema sta a monte. Faragò ha dimostrato di essere "giusto", sul campo. Ma quante critiche ha subito appena arrivato SENZA AVERLO MAI VISTO GIOCARE? E questo vale per Faragò e per tutti quelli che arrivano, tacciati di broccaggine solo per il nome, per i capelli, per le scarpe e per la fidanzata. Sono avvisati tutti i "giudici teorici" di Ceter e del greco (e di tutti quelli che arriveranno). Aspettare.....
  • markEmill 25/01/2018 05:09:42

    Mi spiace ma sono in completo disaccordo con le ultime affermazioni di Asterisco, ma sopratutto di 221837 che sembra cogliere la palla al balzo x infangare Capozucca...Caro Asterisco,se non ci fosse stato Capozucca a ricostruire la squadra retrocessa non saremo mai tornati in A con 2 squadre da promozione,e in cavalleria.Ti sfugge che il primo anno in A,x Capozucca è stato il primo assaggio della tirchieria del mercato imposta da Giulini.Ma il secondo anno di A non si è fatto fregare.Ha lasciato
  • asterisco 24/01/2018 18:46:52

    Insomma, Capozucca portava vecchietti e Rossi vuol vendere i virgulti. E dai, un po' di equilibrio. Gli acquisti giusti per noi sono quelli tipo Faragò, 23/24 anni dalla B o dall'estero, piedi discreti e voglia di correre, per poi tenerli o nel caso cederli alle big.
  • user221837 24/01/2018 15:15:40

    @asterisco , hai dimenticato il migliore degli affari di Capozucca: Storari a 700.000€uro all'anno che alla Juventus forse li prendeva in due anni..insomma tutti "affari " pagati salatamente (tanto i soldi sono di Giulini..). Io personalmente ricordo quando Capozucca fu fermato con una valigia strapiena di €uro ai tempi del noto scandalo del calcio...
  • user222836 24/01/2018 14:56:09

    "Lykogiannis non è pronto. Ha bisogno di QUALCHE SETTIMANA di ambientamento per inserirsi". Queste le dichiarazioni di una dirigenza da mercato coperto.
  • asterisco 23/01/2018 19:07:54

    A gennaio nessuna squadra vende i suoi titolari, a parte casi rari e particolari in presenza di offerte irrinunciabili. Si trovano solo occasioni, sperando di azzeccare l'ingaggio giusto. Io non mitizzerei l'operato di Capozucca, perché a parte l'exploit di Borriello, non è che sia poi rimasto tanto (B.Alves, Taxi, Isla non ci hanno fatto impazzire) e stava pure per prendere Mati Fernandez! Faragò invece é stato un buon acquisto, ma allora sottovalutato. Il calcio é per ricchi, e noi ...