Calcio » Provincia di Roma
Loading the player...

Cagliari, l'elmetto nella valigia: voglia d'impresa contro la Roma

Sabato 16 Dicembre 2017 alle 14:30 - ultimo aggiornamento Sabato 16 Dicembre 2017 alle 15:46


L'Olimpico è una ferita ancora aperta. Proprio qui, infatti, è ricominciata l'avventura di Lopez con il Cagliari e il gol annullato a Farias (sarebbe stato l'1-1, la partita è poi finita 3-0) ha reso più dolorosa la sconfitta. La Roma non è la Lazio, è persino più forte e (sulla carta) proibitiva. Anche i rossoblù, però, non sono gli stessi, in due mesi sono cresciuti sia dal punto di vista organizzativo che caratteriale.

VOGLIA DI IMPRESA - Chiaramente, non può essere considerata una rivincita quella che cerca oggi il Cagliari essendo cambiato l'avversario. Un secondo round, però, sì. Stesso stadio, stesse insidie, stessi stimoli. E se Joao Pedro e compagni dovessero tornare nell'Isola con un risultato positivo, si aprirebbero per loro scenari accattivanti e impensabili dopo la sfida con la Lazio.

LA CORSA DELLA ROMA - Anche stavolta si giocherà sotto i riflettori, fischio d'inizio alle 20.45. Sarà l'anticipo del 17° turno della Serie A e potrebbe consentire alla Roma, in caso di vittoria, di agganciare provvisoriamente la Juventus (in campo domani a Bologna). Il pareggio (0-0) di domenica scorsa a Verona con il Chievo ha frenato la corsa dei giallorossi che hanno, però, un rendimento impressionante in casa e non perdono dal 15 ottobre (contro il Napoli, 0-1). Il tecnico Di Francesco ha ridato serenità e organizzazione alla squadra che, liberata la mente dalla Champions (se ne riparlerà a febbraio), vuole sfruttare la coda del 2017 per guadagnare terreno sulle battistrada. Al momento è quarta, deve recuperare cinque punti all'Inter, quattro al Napoli, tre alla Juventus ma anche la partita con la Sampdoria.

L'ELMETTO NELLA VALIGIA - Non proprio l'avversario ideale, insomma, per il Cagliari, partito ieri dalla Sardegna con l'elmetto dentro la valigia. Il 2-2 in rimonta con la Sampdoria ha caricato i rossoblù di Lopez che in trasferta, tra l'altro, hanno conquistato quattro punti nelle ultime due partite e sono riusciti a trovare un equilibrio senza perdere le proprie tendenze offensive. E per l'occasione, torna Barella.

I VENTIDUE IN CAMPO - Col recupero di Ceppitelli e Rafael (ancora out Faragò e Dessena), Lopez ricompone i cocci. Formazione quasi tipo, schierata col 3-5-2. Rafael tra i pali (Cragno non è al 100%, meglio non correre ulteriori rischi), il trio Romagna-Ceppitelli-Andreolli in difesa, Barella e Ionita ai fianchi del regista Cigarini, Van der Wiel e Padoin sulle due corsie esterne, Joao alle spalle di Pavoletti in attacco. Salvo soprese dalla rifinitura di questa mattina. Alisson, Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov, Pellegrini, De Rossi, Nainggolan, Schick, Dzeko e Perotti, invece, i probabili undici iniziali giallorossi attraverso il 4-3-3. Luci e brividi all'Olimpico.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • user222836 16/12/2017 17:14:05

    organici normali un allenatore vero fa sempre la differenza. proprio come i giocatori. Complimenti per quanto sta facendo e con un organico impoverito rispetto al recente passato friulano
  • user222836 16/12/2017 17:12:05

    Meno male che gli allenatori non contano e che molti erano i detrattori di Oddo, allenatore di eccellenza. Bisogna imparare a guardare le partite e non i risultati (anche quando casualmente favorevoli) come si è fatto a Cagliari per tre anni con la figurina Rastelli. A Udine hanno cambiato una stagione che poteva finire con una retrocessione con un'altra figurina come Del Neri. Certo se hai il Pescara dello scorso anno o il Benevento di questa stagione non Ti salva nemmeno il mago Zurlì, ma con