Calcio » Svezia
Loading the player...

Azzurri sull'orlo del baratro: Svezia-Italia finisce 1-0

Venerdì 10 Novembre alle 22:28 - ultimo aggiornamento Sabato 11 Novembre alle 13:58


L'Italia rimandata a San Siro, dove lunedì si giocherà la qualificazione ai Mondiali 2018 contro la Svezia, e lo farà partendo da una situazione di svantaggio. Al Friends Arena di Stoccolma i padroni di casa prevalgono per 1-0 al termine di una partita dura, nervosa e per niente piacevole, in cui gli Azzurri non sono riusciti a far valere il loro tasso tecnico superiore.

Sin dai primi minuti si capisce che sarà una gara ostica per gli Azzurri. La Svezia la mette sul fisico e sulla rissa. Vince molti duelli, anche se ha difficoltà a creare occasioni nitide da gol.

L’Italia, dal canto suo, non riesce a sfruttare il suo bagaglio tecnico decisamente superiore. Male Verratti, che viene anche ammonito a metà primo tempo e salterà il ritorno a San Siro.

Immobile e Belotti non la vedono mai, i cross di Candreva arrivano col contagocce e nei primi 45 minuti gli Azzurri indirizzano solo un tiro verso la porta difesa da Olsen, al 6’: cross di Darmian e testa di Belotti che a pochi passi dalla porta mette fuori, non di molto.

La disperazione di Belotti
La disperazione di Belotti

Ne esce fuori un primo tempo intenso ma avaro di occasioni. Subito dopo la testata del Gallo ci prova Toivonen, ma la palla termina fuori.

Più pericoloso il tentativo al 25’ dello stesso Toivonen, ma anche in questo caso la palla finisce a lato. L’Italia si riaffaccia alla mezz’ora, ma Immobile non controlla bene un buon lancio di Verratti facendo sfumare una potenziale occasione.

Al 38’ l’unico vero pericolo corso dalla difesa azzurra: Berg beffa Chiellini e si presenta davanti a Buffon, costretto a una doppia uscita. La prima quando anticipa Berg, la seconda quando si avventa sui piedi di Toivonen che sta per battere a rete e gli soffia la palla con un guizzo da campione.

A inizio ripresa l’Italia sembra avere un altro piglio, e subito si affaccia in area avversaria con un tentativo di Candreva deviato in corner da Olsen. Poi ci prova anche Parolo a infilarsi in area, ma viene chiuso in uscita dal portiere svedese.

Dura poco il buon momento degli Azzurri, perché la Svezia la mette sulla rissa e noi ci caschiamo. Nel momento di massima tensione i padroni di casa passano in vantaggio su azione di fallo laterale. Al 17’ Johansson, appena entrato, raccoglie palla al limite e fa partire un destro innocuo che, complice una sfortunata deviazione di De Rossi, spiazza Buffon e si infila in rete.

L'esultanza svedese dopo il gol
L'esultanza svedese dopo il gol

La reazione dell’Italia non si fa attendere: Ventura inserisce Eder e Insigne per Belotti e Verratti e, dopo due palle buone non sfruttate da Immobile, arriva il clamoroso palo di Darmian. Gran botta dal limite, e Olsen può solo guardare la sfera stamparsi sul legno alla sua destra.

Dopo un minuto i padroni di casa provano a colpire in contropiede, ma Buffon blocca la conclusione di Claesson.

Il resto è un assalto finale degli Azzurri senza costrutto e senza occasioni, con una Svezia chiusa a riccio a difesa dei propri 16 metri per portare a casa una vittoria importantissima: l'ultimo tentativo, velleitario, è di Insigne al 95'.

L'ultima volta che l'Italia non ha partecipato alla fase finale di un Mondiale è nel 1958.

(Redazione Online/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

23 commenti

  • user218890 12/11/2017 09:24:16

    Con Immobile sempre in fuori gioco non andremo avanti.
  • fransisceddu 11/11/2017 23:28:50

    Sconfitta figlia della paura! Dice bene il mister della ternana: guardiamo le nostre primavere,sono zeppe di stranieri,cosa assai deleteria a lungo termine non avremo più calciatori che giochino con cuore e paxxe,doti neccesarie per difendere una Patria...povera Italia...
  • jeuvon 11/11/2017 19:46:21

    Io spero nella rimonta. Ma se poi e' per uscire al primo turno come in Brasile meglio stare tutti a guardare la tv. E non spendere uleririori soldi per questi giocatori.
  • kyocera6 11/11/2017 19:25:55

    Ma io direi che lo schieramento regala un uomo nella parte sisnistra del campo creando una lacuna evidente quindi forse sarebbe meglio con la Svezia giocare con quattro difensori (4-4-2 o meglio 4-3-3), inoltre il problema più che tecnico mi sembra mentale, se questa squadra gioca come sa e attacca ha sicuramente le risorse per battere la Svezia e anche squadre più forti. A me sembra che un Ventura invecchiato non abbia le stesse capacità che aveva Conte di schierare e motivare questa squadra...
  • durand10 11/11/2017 19:10:38

    Come sottolineava l'utente "numero9" qst squadra rappresenta caratterialmente la mediocrità vitale dell'italiano medio. La Nazionale è da 20 anni una selezione composta da calciatori apatici, supponenti e sponsorizzati. Un opera di disintegrazione voluta dalla nuova famelica casta dei presidenti delle società di calcio che hanno riempito anche i vivai di stranieri dopo aver infognato le prime squadre. Le TV a pagamento hanno fatto il resto.
  • Marxel 11/11/2017 18:41:55

    Che bella partita,come se fosse stato riavolto il nastro di una delle tante partite del Cagliari di Rastelli. Senza idee,zero tecnica e confusione totale.I giocatori non sono gli unici resposabili,basti vedere Verrati e Candreva,giocano in due ruoli fondamentali ma sono totalmente inconcludenti su tutte le fasi,che fa Ventura?lascia Florenzi in panca e Barella a casa.Il primo è in forma strepitosa,il secondo sta dando filo da torcere a tutte le difese della serie A quindi??
  • granese 11/11/2017 18:40:36

    eppure Rastelli non lo faceva giocare nemmeno in serie B, è dovuto andare a Como per giocare e fare esperienza, stesso discorso per Cragno, ora abbiamo Colombatto Han e Pajac, in prestito al Perugia, penso che con un allenatore più coraggioso uno o due sarebbero con noi, magari titolari per il basso livello dei nostri calciatori o perché ci manca il giocatore di ruolo come il terzino sx giustappunto dove viene impiegato Pajac.
  • isaruttas 11/11/2017 18:39:19

    caro nicogs quanto dici l'ho sperimentato anche io non puoi dire nulla che non sia perfettamente civile ed educato altrimenti arriva il censore e ti boccia tutto saludos a tutti. forza cagliari
  • granese 11/11/2017 18:29:42

    La federazione ha già varato una norma che consentiva alla rosa di avere un massimo di 25 tesserati di cui una parte del proprio vivaio, una parte del vivaio di altre squadre italiane, spero che alla luce dei risultati dell'Italia la metta subito in vigore. Il problema principale è che spesso i giovani sono relegati alla panchina o peggio alla tribuna per colpa degli allenatori, il caso del Cagliari è lampante, che Barella avesse doti tecniche oltre la media si vedeva a occhio nudo,
  • granese 11/11/2017 18:21:56

    sono molto ma molto dispiaciuto che l'Italia abbia perso e non capisco quelli che tifano contro, io mi considero italiano al 100x100 e vedere la mia nazionale perdere mi rattrista. La Svezia a meritato di vincere per la grinta e la determinazione messa sul campo e onore agli svedesi, ma leggere i commenti sotto riportati non li capisco. Sono d'accordo che nel campionato italiano ci dovrebbe essere un ridimensionamento degli stranieri a favore dei vivai, ma questo è un altro discorso.