Calcio

Rastelli: "Orgoglioso del mio lavoro
Sarò sempre tifoso del Cagliari"

Martedì 17 Ottobre alle 15:15 - ultimo aggiornamento alle 15:54


Massimo Rastelli

L'avventura cagliaritana di Massimo Rastelli si è chiusa con un esonero, dopo una promozione dalla B e un undicesimo posto da esordiente nel massimo campionato. Fatale la sconfitta col Genoa, la quarta consecutiva, la sesta in queste prime otto giornate di campionato.

Un'avventura partita il 12 giugno del 2015, quando il presidente Giulini lo ha scelto per riportare il Cagliari in Serie A. Un Cagliari ferito dalla retrocessione e che con il tecnico di Torre del Greco ha riconquistato subito la categoria superiore. Campionato cadetto condotto sempre nelle prime due posizioni e, dopo un passaggio a vuoto e qualche spiffero nello spogliatoio, chiuso davanti a tutti. Abbastanza per meritarsi la conferma e l'esordio su una panchina di A.

Nuove difficoltà, un esonero sventato proprio sotto Natale (con la vittoria in rimonta contro il Sassuolo) e una salvezza mai messa in discussione, nonostante alcune imbarcate. Il tutto senza riuscire mai a conquistare completamente una piazza, costantemente divisa tra sostenitori e oppositori di Rastelli. La salvezza e l'undicesimo posto hanno garantito al tecnico una terza stagione a Cagliari, con uno staff modificato (via il preparatore storico Esposito, con Rastelli sono rimasti il preparatore dei portieri Dei e il collaboratore Rossi) e una squadra colpita, a pochi giorni dal via, dal tornado Borriello, rimpiazzato da Pavoletti.

Pronti, via e il Cagliari perde in trasferta, ma tra gli applausi, con Juventus e Milan. Poi l'esordio alla "Sardegna Arena" con la vittoria contro il Crotone e, successivamente, il 2-0 trionfale a Ferrara contro la Spal del "traditore" Borriello. Ultima soddisfazione, prima di un filotto di quattro ko consecutivi, tre proprio in quello stadio che Rastelli sognava di poter inaugurare e la quarta contro il "suo" Napoli.

Un poker fatale che oggi ha portato all'esonero. E al saluto del tecnico su Twitter: "Orgoglioso e fiero del mio lavoro, saluto e ringrazio tutti. La mia #isolafelice nel cuore: sarò sempre tifoso del Cagliari! #forzacasteddu".

IL TWEET:

Il tweet di Massimo Rastelli

L'ADDIO DI LEGROTTAGLIE:

 
legrottaglie con rastelli (da twitter)
Il saluto di Legrottaglie ai tifosi rossoblù: "Grazie di tutto, Dio vi benedica"

L'ESONERO:

 
massimo rastelli
Cagliari, Rastelli esonerato. Sarà Oddo il sostituto?

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

68 commenti

  • ziaCAGLIARI 24/10/2017 11:47:17

    2 - ER DESERTO DE LI TARTARI - “Pisa, vedi gniente?”, “No!”. “Ceppi, tu?”, “Maaah!!, ...'a palla è rotonda!”, “Mma questo 'o sapevamo!...Balza, tu che sei un falco: che vedi?”, “Si!, er CERRI ha toccato palla, de piatto...fallo laterale, niente golle”. “A Mu, fa 'no scatto in avanti su 'a fascia e dicce cche vedi”, “Ecchè so matto!, poi er Rasta me cambia cor Barre!”. “Vabbè ho capito; tirate fora 'e carte che sse famo un tresette; s'ariva a 21, come 'e partite in casa der Sant'Elia, naaa LEGA BB”.
  • ziaCAGLIARI 24/10/2017 11:45:34

    1 - Nelle prime 7 partite della nostra LEGA B, colpiva che i nostri 4 difensori non partecipavano alla fase di attacco, 90 minuti fermi dietro, senza fare nulla; eppure gli altri non ci attaccavano mai. Di solito le squadre forti utilizzano anche i difensori per sostenere i loro attacchi. Ecco come la zia, in romanesco, descriveva quella strana tattica di RASTELLI: Murru preoccupato di essere sostituito da Barreca, poi Pisacane, Balzano, Ceppitelli parlavano tra loro; Cerri tirava di piatto…
  • ziaCAGLIARI 19/10/2017 15:25:03

    RASTELLI DISASTRO – Con lui in A perdemmo più della metà delle 46 partite giocate: 16 vitt – 5 par – 25 sconfitte. Quando retrocedemmo nel 2014/15(l’anno dei “tre tenori” Zeman-Zola-Festa): CAGLIARI-CHIEVO 0-2; CAGLIARI-SASSUOLO 2-1; CAGLIARI-GENOA 1-1, cioè 4 punti fatti contro gli ZERO DI RASTELLI. La zia guarda sempre i fatti, i numeri, e diffida delle chiacchiere. Forza Cagliari, Forza Lopez. Forza zia.
  • Ithoccor 18/10/2017 11:43:43

    L'avvicendamento era inevitabile e le dichiarazioni di Rastelli dopo l'ultima sconfitta lo comprovano ampiamente. E' stato sollevato perché la situazione stava diventando insostenibile. Paga di certo anche colpe non sue: una rosa deficitaria prima di tutto, priva di terzini di ruolo credibili e di diversi titolari che hanno visto molto poco il campo negli ultimi anni. Ha fatto molti sbagli, ma ha avuto anche meriti significativi. Rispetto come professionista e come uomo, impeccabile.
  • margiani3 17/10/2017 21:31:13

    sebi90 17/10/2017 17:38:42 Sebi chi ha scritto quelle parole è MARIANO47 un autentico maleducato senza rispetto per le persone
  • WGrillo 17/10/2017 21:11:02

    tutto previsto dal sottoscritto,cosi imparate a spernacchiare Borriello dopo aver comperato l'inutile Pavoloso....eppure vi avevo dopo la vittoria contro la Spal quando pensavate di essere da scudetto!
  • PLMD 17/10/2017 20:48:58

    Un grazie a Rastelli è doveroso. Impeccabile professionista che per due anni ha saputo raggiungere efficacemente gli obiettivi. Personalmente dopo la partita di Ferrara non avrei mai immaginato un epilogo di questo genere! In bocca al lupo mister per il suo futuro!
  • pier48 17/10/2017 20:48:40

    ..come si suol dire, chi vivrà vedrà. Rastelli è durato anche troppo...mai amato anche se ha condotto la squadra dalla B alla A, quasi disconoscendogliene il merito. Ha vinto un torneo di B di levatura mediocre ed è approdato ad un torneo di A altrettanto scadente, dove comunque la sua squadra ha galleggiato esattamente come il Cagliari ha sempre fatto. Se son rose, fioriranno, per il Cagliari e per Restelli, il quale comunque ci ha sempre messo a faccia...auguri ad entrambi
  • zanna69 17/10/2017 19:55:24

    E' importante che Giulini adesso faccia le scelte giuste e riesca a dare la giusta quadratura alla squadra e alla struttura organizzativa interna.Anzi farei esordire il nuovo allenatore non dalla prossima partita....meditando bene sulla scelta.Ci vuole tra l'altro qualcuno che sia consapevole di cio' che il Cagliari rappresenta in Sardegna.La Salvezza è diventata ora un traguardo complicato ma ancora possibile.Bernardo Mereu ipotesi suggestiva per il futuro.Grande persona e intenditore
  • ziaCAGLIARI 17/10/2017 19:53:31

    Caro zioFRANCO, l'allenatore MASSIMO RASTELLI ha dimostrato di essere scarso quando pur disponendo, rispetto agli avversari di LEGA B, di una squadra forte il TRIPLO rispetto alle concorrenti, è riuscito nell'impresa di perdere NOVE PARTITE contro autentiche ACCOZZAGLIE DI SCAPOLI e AMMOGLIATI. La famosa "JUVENTUS DELLA SERIE B" perse 9 partite contro squadrette derelitte. Se non vinci quando sei forte, allora quando vinci? Ora ci tocca fare 3 punti nelle ultime 7 gare del girone di andata. z