Spettacoli » Santa Teresa Gallura

Festival Internazionale "Life After Oil": a Santa Teresa le 35 opere finaliste

Venerdì 07 Settembre alle 14:07 - ultimo aggiornamento alle 15:21


La presentazione del Festival a Venezia

Sono arrivati film, corti e documentari da ben 73 Paesi.

Basterebbe questo dato per indicare la popolarità raggiunta dal Festival internazionale dedicato ai temi ambientali e sociali, ideato dal regista Massimiliano Mazzotta.

Non a caso la quinta edizione è stata presentata nell'Italian Pavillion della Sala Tropicana dell'Hotel Excelsior di Venezia. Presenti oltre a Mazzotta, che fa da direttore artistico, anche Nevina Satta, direttore della Fondazione Sardegna Film Commission e Annibale Biggeri, epidemiologo e professore ordinario di Statistica medica presso l'Università di Firenze che sarà tra gli ospiti del festival.

"Life After Oil" verrà ospitato ancora una volta a Santa Teresa Gallura, dal 19 al 22 settembre. Le giurie hanno selezionato da 562 opere le 35 finaliste, mentre 10 sono fuori concorso.

Quattro le sezioni in gara: documentari, con pellicole di registi francesi, italiani e cinesi; animazioni, dove spicca una produzione australiana; cortometraggi, con ben 10 opere, una anche dagli Usa; diritti umani, che prevede la proiezione di Long Yearnin, co-produzione di Australia e Cina, che vedrà la presenza a Santa Teresa del regista Elliott Spencer.

Altri dieci film verranno proiettati al Festival fuori concorso nella sezione a tema libero World Panorama, che si propone come rassegna di opere di giovani registi. Una menzione sarà assegnata dallo staff del Festival al film ritenuto più meritevole.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook