Spettacoli » USA

Il dramma di Lorenzo Lamas: "Sul lastrico per colpa delle mie 4 ex"

Mercoledì 11 Luglio alle 15:42


Lorenzo Lamas

"Fatemi lavorare". Non è l'urlo di disperazione di un operaio dell'Alcoa, ma quello del tenebroso giusitziere di Renegade, Lorenzo Lamas.

Del bel Lorenzo di una volta è rimasto qualcosa, ma non molto. E non solo a livello fisico: oggi l'attore statunitense ha 60 anni e non lavora più con la continuità di una volta.

Anzi. La sua ultima apparizione sul piccolo schermo è un cameo nella serie Lucha Underground (2016), mentre per un ruolo da protagonista bisogna tornare indietro fino al 2009, e fu un flop il film Mega Shark vs Giant Octopus.

Il settimanale Novella 2000 riporta il drammatico appello dell'attore statunitense, "ridotto sul lastrico dalle ex mogli".

Lorenzo Lamas in Renegade
Lorenzo Lamas in Renegade

"Ho avuto sei figli, quattro mogli e adesso ho chiesto il divorzio alla quinta. Sono sommerso dai debiti, non ho più un soldo: sul mio conto corrente sono rimasti meno di 4mila dollari. E la villa in cui vivo non è mia. Per favore, fatemi lavorare".

L'attore deve sborsare 322mila dollari di alimenti al mese per tre delle sue ex mogli (due attrici Victoria Hilbert e Kathleen Kinmont e la coniglietta Shauna Sand), la quarta - Michele Cathy Smith - è morta a gennaio.

Non dovrà invece dare nulla - almeno così si presume - a Shawna Craig, da cui sta divorziando: Lamas l'ha infatti sorpresa a letto con un altro uomo.

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • pierolog 12/07/2018 12:10:31

    non ragiona con la testa ma con altra parte del corpo, questi sono gli ovvi risultati
  • semur 11/07/2018 22:38:56

    fatti forza, ci sono ancora tante donne ...
  • Fisieddu 11/07/2018 16:20:13

    Se ne avesse sposata solo una, come tutte le brave persone...