Cultura » Italia

Emanuela Loi, il coraggio della poliziotta di Sestu

Giovedì 01 Febbraio alle 18:04


Emanuela Loi

"A una ragazza di ventiquattro anni la pistola non si addice. E invece a Emanuela si. Aveva deciso di essere una donna poliziotto, senza per questo rinunciare a essere quello che era prima di tutto: una ragazza come tante. Emanuela Loi era, perché non è più. Dilaniata dall'esplosione che il giorno 19 luglio del 1992 l'ha uccisa in via D'Amelio insieme al giudice Paolo Borsellino e ai quattro colleghi della scorta".

Si apre così la presentazione della puntata di "Liberi sognatori" - programma recentemente andato in onda su Mediaset - e volta a celebrare, ancora una volta e per non dimenticare, la prima donna poliziotto morta in servizio.

Una struggente ricostruzione della vita della giovane donna di Sestu, e di quella tragica domenica del 19 luglio 1992, in cui a perdere la vita, accanto al giudice Paolo Borsellino e ad Emanuela Loi, furono anche gli altri uomini della scorta, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina.

UN PERCORSO SEGNATO DAL DESTINO - Nata e cresciuta a Sestu e appassionata del suo lavoro come della vita, Emanuela Loi desiderava fare l'insegnante, ma la sorte l'avrebbe portata da un'altra parte.

Andata ad accompagnare la sorella per il concorso in Polizia, è alla fine lei ad essere scelta. Arruolatasi all'età di vent'anni, dopo il diploma magistrale prosegue il percorso in polizia prima alla scuola allievi di Trieste, e poi a Palermo. Nel giro di due anni viene affidata al commissariato di Palermo Libertà, e da lì i primi incarichi, come il piantonamento al boss Francesco Madonia.

La giovane Emanuela a Palermo si ambienta bene, creando un gruppetto stretto di amicizie isolane. Ciò che più ama, ricorderanno amici e colleghi, è muoversi con il camper della polizia, che le consente di stare in mezzo alla gente.

Emanuela è però anche affascinata dal lavoro delle scorte, e stringe amicizia con il caposcorta di Falcone, Antonio Montinaro, compiendo la sua scelta. Che l'attentato di Capaci non fa vacillare: decide di mettersi a disposizione per quel difficile servizio, anche in memoria dell'amico Antonio.

Greta Scarano nei panni di Emanuela Loi
Greta Scarano nei panni di Emanuela Loi

VIA D'AMELIO - Domenica 19 luglio 1992, a pochi mesi dall'assegnazione di Emanuela al servizio scorte, il giudice Borsellino deve andare a casa della madre, in via D'Amelio. Emanuela, come sempre, lo accompagna e lo vede salutare la famiglia e i figli. Poi il tragitto in macchina fin sotto casa, si fermano e lei scende prima, controllando che tutto sia libero. Il capo scorta dà il via libera, e il giudice esce dall'auto blindata dirigendosi verso il portone dell'appartamento della madre.

Borsellino passa accanto ad Emanuela, e quindi l'esplosione, una deflagrazione che scuote tutta la città.

IMPERITURA MEMORIA - "Nessuno, in quel momento – si racconta nel film andato in onda su Mediaset - avrà pensato agli uomini della scorta. E nessuno avrà pensato a Emanuela Loi, una giovane ragazza bionda che non doveva essere lì".

L'Italia intera, e tutta la Sardegna, le tributeranno però a posteriori un doloroso saluto e un commosso omaggio. Oltre all'imperituro ricordo alla prima vittima donna della polizia, che rivive oggi in questo nuovo e toccante omaggio.

Il film, diretto da Stefano Mordini e con la sceneggiatura di Graziano Diana, ha come protagonisti Greta Scarano, nei panni di Emanuela, e Riccardo Scamarcio nel ruolo di Montinaro. Fra gli altri attori Ivana Lotito nei panni della sorella Claudia Loi, Fabrizio Ferracane nei panni di Paolo Borsellino, Alice Attala nei panni di Maria Rita. Ed ancora Aurora Peres (Speranza), Pierluigi Corallo (Agostino Catalano), Pierfrancesco Poggi (Virgilio Loi), Vincenzo Crivello (Gaetano Lo Re), Simone Colombari (De Paolis), Angelo Libri (Maresciallo Giannalia), Stefano Santospago e Lorenza Indovina (Berta Loi).

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

14 commenti

  • 7965giuseppe 04/03/2018 15:19:27

    Il freddo FINLANDESE deve avergli bruciato i NEURONI a quello lì....
  • 7965giuseppe 25/02/2018 12:23:54

    La POLITICA è in affari con la MAFIA, eliminiamo i POLITICI CORROTTI per colpire LE MAFIE.
  • sardinia 23/02/2018 11:30:08

    Qualcuno, non sapendo cosa scrivere ed intervenendo a sproposito, anche sulla vicenda di Emanuela Loi, la butta in politica. Milionesimo esempio di quanto l'Italia sia preda di una "droga ideologica" senza speranza. Diciamolo chiaramente: il filmaccio commemorativo di Emanuela è una grande boiata, una delle tante. Basterebbe osservare, per rabbrividire, la devozione nazionale per un Checco Zalone qualunque. I filmacci passano, but Emanuela is always in our hearts! Mario Sconamila
  • ale66 22/02/2018 14:19:03

    @rosalux Hai perfettamente ragione , parlo per cognizione di causa conoscendo, sia per ragioni professionali che personali ,molto bene tutta la vicenda , Emanuela come tutti gli altri componenti della scorta conoscevano bene i rischi in cui andavano in contro , non dimentichiamo che pochi mesi prima era stato assassinato il Giudice Falcone , eppure non hanno esitato nel proseguire il loro servizio ....questi sono eroi con la E maiuscola , servitori dello Stato sino all'ultimo
  • rosalux 20/02/2018 21:21:54

    user223863, non tutti i lavori richiedono coraggio e, per fortuna, non tutti i lavoratori escono da casa giornalmente con la sensazione che possa essere l’ultimo giorno della loro vita. Molte attività sono certo rischiose, ma credo che nessuna possa eguagliare quella di fare da scorta a un giudice nel mirino della mafia. Gli agenti che fanno questa scelta sono persone fuori dal comune. Sanno che possono morire da un momento all’altro, eppure non demordono e difendono il loro protetto e noi tutti
  • 7965giuseppe 19/02/2018 17:34:29

    Questo ricordo, mi permetto, in un film trasmesso da una società commerciale al cui vertice c'è un condannato in via definitiva, noto per i suoi legami con "cosa nostra", sinceramente mi sembrano un'offesa alla MEMORIA di questa MARTIRE... VERGONA, VERGOGNA, VERGOGNA. Viva EMANUELA LOI, VIVA!!
  • user223863 19/02/2018 11:54:25

    Va bene il ricordo di chi muore sul lavoro, ma il coraggio viene espresso da chiunque lavori, dall'operaio al medico, dal vigile del fuoco al giornalista o al magistrato per dirne alcuni. Andrebbe anche ricordato per esempio il coraggio e la generosità degli operai morti alla Saras sulla cisterna, o il caso più recente e identico accaduto in Italia. Per tutti lo stesso rispetto.
  • marxmura 10/02/2018 22:06:48

    Ricordo il suo funerale con estrema commozione
  • gradisar 07/02/2018 13:25:31

    Alfie, infatti. Quando ho visto la scritta Sestu (che conosco benissimo) sullo sfondo si vedevano le montagne che si vedono a Palermo, uguali uguali. Potevano fare di più.
  • Alfie 06/02/2018 17:01:40

    Purtroppo il FILM TV non è granché: dialoghi (quasi sempre) poco avvincenti, sceneggiatura debole; senza considerare che le scene ambientate in Sardegna (che probabilmente sono state girate in Sicilia, ma senz'altro non a Sestu) sono incongrue.