Spettacoli » Capoterra

Capoterra, la storia delle saline Conti Vecchi incanta il pubblico

Sabato 07 Ottobre alle 17:31 - ultimo aggiornamento alle 18:49


I protagonisti dello spettacolo

Ha incantato il pubblico di Capoterra e ora è pronto ad appassionare gli spettatori di tutta Italia. È stato un successo, lo spettacolo "Storie di Sale", scritto e diretto da Susanna Mameli, e realizzato nell'ambito del progetto di residenza artistica "Sa pratza 'e s'abba", con la Compagnia "Le Brugole e Co" di Milano.

Per due sere, nel Piccolo Teatro dei Ciliegi di Poggio dei Pini, le attrici Annagaia Marchioro e Marta Proietti Orzella, con la partecipazione di Francesco Civile, e i suoni prodotti dal vivo da Alessandro Olla, hanno raccontato la storia e i personaggi delle saline Conti Vecchi.

Lo spettacolo, che ha permesso al pubblico di ripercorrere la storia dell'ambizioso progetto dell'ingegner Luigi Conti Vecchi - capace di trasformare le paludose acque di Santa Gilla in una salina, risolvere il problema della malaria, ma anche di creare sviluppo e occupazione in tutto il territorio - ha fatto registrare nelle due serate il tutto esaurito nel teatro di Poggio dei Pini.

La prossima primavera, lo spettacolo verrà ospitato anche dal Fai proprio nelle saline di Macchiareddu. "Storie di Sale sarà presentato anche in giro per l'Isola e arriverà anche a Milano, Torino, e altre città del nord Italia - racconta Susanna Mameli, direttrice dell'associazione culturale Anfiteatro Sud, e ideatrice dello spettacolo, - siamo certi che la storia delle saline Conti Vecchi, e delle persone che lavorarono duramente per anni quando la raccolta del sale avveniva senza l'ausilio dei mezzi meccanici, appassionerà tanti spettatori".

Dopo il successo di "Storie di Sale", l'associazione Anfiteatro Sud è tornata al lavoro per promuovere l'arte teatrale a Capoterra.

Dal 10 ottobre al via le iscrizioni per i corsi di teatro aperti a tutti. Le lezioni per i bambini e gli adolescenti si terranno tutti i martedì dalle 17 alle 18, 15, e dalle 18,30 alle 19,45; per gli adulti l'appuntamento è il venerdì dalle 19 alle 21.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook