Politica » Provincia di Roma

Scontro Lega-Forza Italia, Berlusconi dice no a Foa. Salvini: "Sta col Pd"

Mercoledì 01 Agosto alle 18:39


Berlusconi e Salvini pochi giorni prima delle elezioni del 4 marzo (foto Ansa)

Con lo scontro su Marcello Foa alla presidenza di viale Mazzini, la spaccatura tra Lega e Forza Italia sembra ormai definitiva.

Dopo che a Roma, a Palazzo San Macuto, la riunione della commissione di Vigilanza Rai per eleggere il presidente ha bocciato il nome di Foa (assenti Pd, Fi e Leu) e il voto favorevole è arrivato solo da 22 parlamentari su 40 (ne servivano 27), il leader della Lega è volato a Milano, al San Raffaele, da Silvio Berlusconi, ricoverato per alcuni esami clinici, per convincerlo a cambiare idea.

Ma l'ex Cav non ha fatto altro che ribadire il suo no.

"La scelta dei componenti di Forza Italia della Commissione di Vigilanza, di non votare l'indicazione di Marcello Foa alla Presidenza della Rai è stata assunta dai nostri gruppi parlamentari - ha detto Berlusconi in una nota - . Io ne ho preso atto e l'ho naturalmente condivisa. Il servizio pubblico, per essere tale, non può essere espressione unilaterale di una maggioranza, qualunque essa sia. A questo criterio ci siamo attenuti quando eravamo al governo. Ci aspettiamo che vi si attenga anche l'attuale maggioranza".

"È stato anche appurato che l'eventuale riproposizione dello stesso nome alla Commissione di Vigilanza, presenta secondo il parere di autorevoli professionisti problemi giuridici non superabili. Non potrà quindi essere votata dai componenti di Forza Italia", ha concluso.

"La Lega - ha risposto Salvini - prende atto che Forza Italia ha scelto il Pd per provare a fermare il cambiamento, per la Rai, per il taglio dei vitalizi e per altro ancora. Dispiaciuti, continuiamo sulla via del cambiamento, sicuri che gli italiani e gli elettori del centrodestra (come dimostrano tutti i sondaggi) abbiano le idee chiare".

"Prendo atto con rispetto della decisione della Commissione di Vigilanza della Rai - si è limitato a dire Foa, a cui ora spetta la decisione di dimettersi o di restare nel Cda - . Come noto, non ho chiesto alcun incarico nel Consiglio che mi è stato proposto dall'Azionista. Non posso, pertanto, che mettermi a sua disposizione invitandolo a indicarmi quali siano i passi più opportuni da intraprendere nell'interesse della Rai".

(Unioneonline/D)

LA PROPOSTA:

 
marcello foa
Nomine Rai, presidenza a rischio per Marcello Foa

LA BOCCIATURA:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

8 commenti

  • ragilufe55 02/08/2018 10:54:09

    Leggo con grande sorpresa che ci sono ancora barlumi di serietà in Forza Italia, dando così il ben sevito a quel nullafacente di Salvini e a quell'altro sottospecie di bamboccione di Di Maio i quali avezzi a prendere per i fondelli i boccaloni vorrebbero sottomettere la Rai (che deve essere pluralista) alla loro continua propaganda del nulla ma purtroppo ci aspettano tempi duri sia per i giovani che non avranno nulla e gli altri ancor meno di nulla. La speranza è che questi inetti implodano.
  • moreover 02/08/2018 09:50:54

    ... è l'arte del saper governare? O siete ancora convinti che basti un click da tastiera per risolvere tutto, come vi ha insegnato il vostro adorato guru? Purtroppo per voi non funziona così, la democrazia (rappresentativa) ha le sue regole dettate dalla Costituzione (che dicevate di salvaguardare) e quelle vanno sempre rispettate.
  • moreover 02/08/2018 09:49:21

    Razza di dilettanti allo sbaraglio, senza un minimo di competenza. Prima il grullino giggino di mail pretendeva la poltrona di 1° ministro pur avendo vinto le elezioni con SOLO una maggioranza relativa, adesso si mette pure Salvini (anzi entrambi) che con SOLO una maggioranza relativa vorrebbero nominare il presidente della RAI. Occorre una maggioranza assoluta! Lo volete capire che per queste cariche occorre una maggioranza assoluta e questa la si conquista con il compromesso POLITICO CHE ...
  • Lando65 02/08/2018 09:31:30

    Berlusconi cerca disperatamente di ungere in più partiti,uno basti che sia alleato per riportarlo in scena..povero illuso! Sta facendo la figura di un burattinaio senza fili,ridicolo e patetico.
  • hevor 02/08/2018 09:10:17

    Povera forza Italia targata Sardegna, scomparirà insieme al suo fondatore abbracciato mortalmente con quello che rimane del defunto PD.
  • user238504 02/08/2018 08:30:21

    Diamo tempo al tempo. Il nuovon governo del cambiamento, qualora dovessero in porto la scellerata flat tax , il reddito di cittadinanza e l'abolizione della Fornero ci faranno rimpiangere il Venezuela.
  • user237303 02/08/2018 01:35:40

    Il patto del Nazzareno è ancora vivo.
  • user234904 01/08/2018 19:52:02

    silvio Berlusconi si sta facendo del male da solo, finalmente salvini , lo scarica, rendiamo grazie a salvini, che scarica l uomo che ha fatto più danni dopo mussolini, tanto forza italia con Berlusconi era gia morto e sepolto