Politica » Provincia di Roma

Conte-Mattarella, scontro su Savona. Salvini: "Sono arrabbiato". E Di Maio mette "Mi piace"

Venerdì 25 Maggio alle 10:11 - ultimo aggiornamento alle 21:53


Matteo Salvini e Sergio Mattarella

"Sono arrabbiato". Un post breve e conciso di Matteo Salvini su Facebook da cui si può evincere cosa si siano detti al Quirinale Giuseppe Conte e Sergio Mattarella, nel colloquio che si è tenuto oggi pomeriggio.

Tutti i followers del leghista (tra cui Luigi Di Maio, che ha messo il like al post) commentano citando la vicenda di Paolo Savona, l'economista anti-euro che il leader del Carroccio vorrebbe al ministero del Tesoro, ma Salvini per ora non risponde. E non specifica.

Ma non ci vuole molto a fare due più due, anche perché la "rabbia" del leghista si è scatenata dopo che Giuseppe Conte è uscito dal Quirinale. Mattarella deve aver tenuto il punto, deve aver spiegato al premier incaricato che quel nome per il dicastero di via XX Settembre non è disposto ad accettarlo.

LA GIORNATA DEL PREMIER INCARICATO - Tra Giuseppe Conte e il Capo dello Stato si è tenuto nel pomeriggio un semplice "colloquio informale" durato un'ora e mezzo, visto che per la lista dei ministri bisognerà aspettare ancora qualche giorno, almeno fino a domenica.

Questa mattina, invece il premier incaricato ha incontrato Di Maio e Salvini, prima del faccia a faccia con il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco a Palazzo Koch, a Roma.

Conte, Di Maio e Salvini alla Camera
Conte, Di Maio e Salvini alla Camera

MATTARELLA CONTRO SALVINI E DI MAIO: "BASTA DIKTAT" - Continuano dunque le polemiche sullo scontro istituzionale che vede opporsi da un lato Luigi Di Maio e Matteo Salvini, dall'altro il Quirinale sul tema della scelta dei ministri del nascente esecutivo: la lista potrebbe essere pronta domenica.

"Il tema all'ordine del giorno non è quello di presunti veti ma, al contrario, quello dell'inammissibilità di diktat nei confronti del presidente del Consiglio e del presidente della Repubblica nell'esercizio delle funzioni che laI Costituzione attribuisce a tutti due", ha fatto sapere il Quirinale ieri.

Il riferimento è alla blindatura che hanno fatto il leader del Carroccio e quello del M5S sul nome del cagliaritano Paolo Savona come prossimo ministro dell'Economia.

Un atteggiamento che dal Colle è stato visto come una palese interferenza dei due politici nelle funzioni attribuite dalla Costituzione al presidente della Repubblica e al primo ministro.

Restano comunque ancora alcuni nodi da sciogliere nel totoministri: a parte i sicuri Salvini agli Interni e Di Maio al ministero unico dello Sviluppo Economico e del Lavoro, per gli Esteri si fa il nome di un tecnico, l'ambasciatore Giampiero Massolo che già nel governo Monti è stato a un passo dall'ottenere un dicastero, mentre alla Giustizia il più accreditato resta il grillino Alfonso Bonafede.

BANCHE: "CHI È STATO TRUFFATO SARÀ RISARCITO" - Ieri sera Conte ha incontrato una delegazione di risparmiatori che hanno sofferto per i default di alcune banche.

"Queste persone, come tante altre, devono essere ascoltate dalle istituzioni. Sono persone che chiedono giustizia e che il loro risparmio venga tutelato come previsto dalla Costituzione. A loro ho detto che la tutela dei loro risparmi, spesso frutto di sacrifici e una vita di lavoro, sarà uno degli impegni principali del Governo del Cambiamento. Chi ha subito truffe o raggiri sarà risarcito", ha scritto il premier in pectore in un post pubblicato su Facebook.

Il post pubblicato su Facebook da Conte

LO SPREAD SUPERA QUOTA 215 - Intanto dai mercati arrivano segnali di preoccupazione.

All'apertura di Piazza Affari lo spread tra Btp e Bund tedeschi ha superato quota 200, raggiungendo i 201,2 punti base per poi arrivare nel pomeriggio a quota 215 e chiudere a 206.

Si tratta del valore massimo da giugno dello scorso anno.

Il rendimento del titolo decennale italiano ha toccato il 2,43%.

Segno meno anche per il Ftse Mib, che ha chiuso a -1,54.

CONTE E LA SPACCATURA NEL CENTRODESTRA:

(Unioneonline/F)

 
Conte: "In arrivo i ministri, tutti politici". E sulle banche: "Risarciremo i truffati"

 
luigi di maio sergio mattarella e matteo salvini
Salvini e Di Maio: "Savona all'Economia". L'ira del Colle: "Basta diktat"

 
matteo salvini e laura boldrini
L'attacco della Boldrini: "Leader maschilisti". E Salvini risponde

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

16 commenti

  • juza 26/05/2018 10:25:46

    Lo spread è la differenza percentuale tra il tasso di interesse dei BTP italiani e quello dei Bund tedeschi. Il tasso sale al crescere del rischio di insolvenza di uno stato o anche in funzione delle aspettative o della fiducia dei mercati nei confronti dello stato italiano che in questo momento mi pare stiano venendo meno
  • user213143 26/05/2018 09:41:33

    Immaginate l´Europa come un grande paese, se il mio vicino di casa si compra il Ferrari e poi non riesce a pagarlo e forse colpa mia? Dovrei secondo voi aiutarlo a pagarlo? E con il nuovo che arriva, come sarà possibile con meno entrate ( tasse ) lo stato vuole spendere di più? Poi mi dite che la colpa e della Germania che pensa a star bene lei.
  • user220836 26/05/2018 09:24:33

    Lo SPREAD è un pregiudizio, come si fa, a esprimere un giudizio compiuto, su un Goveno che non ha ancora governato...? siamo sicuri, che lo SPREAD, non è causato da manovre speculative di qualche Paese, che ci vuole Grecizzare...? Macron, che tende la mano a Conte, sembra più il "polizziotto buono", che un vero amico...
  • user238380 26/05/2018 05:41:26

    Mattarella non vuole antieuropeisti dato che ha ordini ben precisi da Bruxelles. Parla di diktat ma quello messo in atto dall'Europa verso l'Italia cosa sarebbe?! La gente comune lo sa che il debito pubblico italiano cresce in maniera esponenziale dato che la Banca Centrale Europea nega il diritto allo Stato Italiano di stampare moneta e perciò ce li "PRESTA" con gli interessi?! Le Banche sono S.p.a. non associazioni umanitarie! Saludos
  • panduro 26/05/2018 01:07:00

    Cosa andiamo a votare a far se poi e'' il presidente della repubblica che sceglie i ministri?
  • user220836 25/05/2018 18:41:17

    lo spread è stato molto più alto di adesso, ma non siamo falliti, lo spread è come quel bastone con una piccola punta, il pungolo appunto, che si usa per condurre i buoi, e la germania lo usa per gestire il suo parco buoi, tra cui anche l'Italia, affinchè non si metta in testa di autogovernarsi..questa volta concordo con dadaolta...
  • dadaolta 25/05/2018 17:07:41

    Oligarchia contro democrazia = "spread"...
  • ragilufe55 25/05/2018 17:07:39

    Leggo che tanti emeriti costitituzionalisti che non hanno mai letto la costituzione e non sanno nemmeno cosa hanno votato disquisiscono di articoli sparando a casaccio nel mucchio dei boccaloni che presto si renderanno conto che le storielle raccontate in campagna elettorale sono fuffa senza la minima ipotesi di realizzazione. Giusto per ricorare che il presidente della repubblica lo elegge il parlamento e che il primoinistro le sceglie il capo dello stato e infine il capo dello stato insieme...
  • SET29ECO 25/05/2018 15:59:34

    Lo spread è pari alla differenza di tasso interesse rispetto ai titoli tedeschi, che il mercato pretende per compensare il rischio fallimento dello Stato Italiano. Personalmente penso che il mercato abbia già capito che lo Stato Italiano fallirà. Finiremmo come il Venezuela, la gente vivrà veramente male, ma continuerà a votare questi cialtroni, perché, tra qualche anno, rispetto a prima, quasi tutti vivranno a stento. Ma varrà sempre il principio : "Mal comune, mezzo gaudio!
  • iking0980 25/05/2018 14:38:18

    Se qualche politico che governerà annuncia e sostiene con forza che non restituirà i debiti dello stato, allora gli investitori che con i propri soldi hanno permesso di finanziare quel debito cercano di venderlo per aver il minor rischio facendo scendere il loro valore e alzare lo spread, E' una legge di mercato e non un complotto!