Politica

Elezioni politiche, le sfide dei big nei collegi uninominali

Martedì 30 Gennaio alle 11:20 - ultimo aggiornamento alle 17:32


Non ci saranno sfide tra big, ma non mancheranno duelli interessanti nei collegi uninominali, che eleggeranno un terzo dei componenti del prossimo Parlamento.

Matteo Salvini è scappato via dalle sfide dell'uninominale. "Andrò a sfidare Matteo Renzi onvunque si candidi", aveva detto il leader leghista. E invece niente: non si è messo in gioco neanche in un collegio uninominale; ha blindato il seggio mettendosi come capolista in 5 listini plurinominali bloccati, dalla Sicilia alla Lombardia.

A sfidare Matteo Renzi nel collegio di Firenze c'è l'economista anti euro Alberto Bagnai, della Lega, mentre per i 5 Stelle c'è Nicola Cecchi, ex Pd.

Il premier Gentiloni, candidato a Roma, se la gioca con un azionista truffato di Banca Etruria che corre per i 5 Stelle, Angiolino Cirulli, e il centrista Ciocchetti che è in corsa per il centrodestra.

Interessante la sfida di Milano dove Tabacci, ex assessore della Giunta Pisapia, per il centrosinistra sfida Laura Boldrini (Liberi e Uguali) e Cristina Rossello, l'avvocatessa che difende Berlusconi nella causa con Veronica Lario.

Duello tra pasionarie a Bolzano. Una renziana, la contestata Maria Elena Boschi, l'altra berlusconiana, Michaela Biancofiore.

Difficile la scelta per gli elettori del Pd a Bologna: per i dem corre infatti Pierferdinando Casini contro Vasco Errani, che ora è in Liberi e Uguali ma - dal Pci al Pd - ha una lunga storia di militanza nella sinistra.

Altra corsa tutta sull'euro a Siena, dove a sfidare il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan c'è il candidato leghista anti euro Claudio Borghi.

Sfida amarcord a Varese, dove il giornalista Gianluigi Paragone (M5S) - ex conduttore su Rai Due in quota Lega ed ex direttore de La Padania - affronta il suo mentore Umberto Bossi. "Con nostalgia ed emozione mi ritrovo a predicare nella tana del lupo", ha dichiarato il giornalista.

A Lecce tocca invece alla fedelissima renziana Teresa Bellanova, che è anche ex Cgil, sbarrare a Massimo D'Alema (Liberi e Uguali) la strada per il ritorno in Parlamento.

Infine, la sfida più succulenta mediaticamente, ma forse anche la più scontata come esito. quella di Pomigliano d'Arco, dove Di Maio dovrebbe fare incetta di voti contro Vittorio Sgarbi, candidato di Forza Italia.

Per quanto riguarda i leader dei partiti: come abbiamo detto, Renzi corre a Firenze e Di Maio a Pomigliano. Salvini non corre negli uninominali, Grasso è candidato a Palermo. Meloni nella "nera" Latina, "nel solco della tradizione". Anche Berlusconi non è in lista, per ovvi motivi vista l'incandidabilità.

Davide Lombardi

(Unioneonline)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • viabramante 30/01/2018 17:10:44

    SE FOSSE POSSIBILE ANDREI A VOTARE A BOLOGNA ,DA ELETTORE DI SINISTRA,E DARE LA MIA PREFERENZA AL COMPAGNO PIERFERDY CASINI !!!!!!
  • Alfie 30/01/2018 13:33:30

    Ma Berlusconi candida sempre i suoi avvocati?