Politica » Provincia di Genova

Caso Genova, Grillo: "Chi non è d’accordo si faccia un altro partito. Sono le nostre regole"

Lunedì 20 Marzo alle 17:41 - ultimo aggiornamento alle 18:13


Beppe Grillo alla Camera con Luigi Di Maio e Laura Bottici

"Noi abbiamo le nostre regole. Io sono il garante e le faccio rispettare, chi non è d’accordo si faccia un altro partito".

Lo ha dichiarato Beppe Grillo a proposito del caso Genova, dove il leader M5S ha deciso di togliere il simbolo del movimento alla vincitrice delle comunarie, Marika Cassimatis.

"Una democrazia senza regole non è una democrazia", ha detto Grillo oggi alla Camera per un convegno sull'acqua. "Il metodo è giustissimo. È tutto spiegato nel blog", ha aggiunto.

Intanto la Cassimatis potrebbe comunque decidere di candidarsi sindaco. Per ora sceglie la strada del silenzio, ma ha annunciato nei prossimi giorni una conferenza stampa.

I vertici dei Cinque Stelle assicurano pieno sostegno al leader. "Meglio fermare subito certe persone: contro la Cassimatis ci erano giunte diverse segnalazioni", ha detto Luigi Di Maio. "Mi fido di Beppe", gli ha fatto eco Alessandro Di Battista.

Il post di Marika Cassimatis su Facebook

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

2 commenti

  • user220048 21/03/2017 17:37:37

    Quando si criticano i grillini non mettete i commenti.
  • semur 20/03/2017 22:01:39

    quindi il voto del web non conta, tanto vale che faccia la chiamata diretta