Economia

Reddito di cittadinanza, servono 10 miliardi. Il governo: "Li troveremo"

Venerdì 07 Settembre alle 09:47 - ultimo aggiornamento alle 10:32


Il ministro dell'Economia Giovanni Tria

Il governo punta a portare avanti "tutte le riforme che riteniamo punti qualificanti del nostro contratto", a tutti i costi.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato chiaro, prima a Ischia e poi a Roma con il ministro dell'Economia Giovanni Tria, degli Affari europei Paolo Savona, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti e il sottosegretario all'Economia Laura Castelli: "Abbiamo fatto delle promesse agli italiani e siamo qui per mantenerle".

Dalla riforma della legge Fornero fino alla flat tax, passando per il reddito di cittadinanza, sarà una manovra ambiziosa. Soprattutto per quest'ultimo punto, che costerebbe una decina di miliardi di euro, di cui circa due e mezzo possono essere recuperati dai fondi stanziati dal reddito di cittadinanza del Pd.

"Stiamo entrando nei dettagli - ha detto Conte - ma abbiamo sempre ragionato anche di coperture. La nostra abilità sarà nel trovare queste coperture e presentarle: siate ancora pazienti per un po', ma ci siamo".

Piccoli passi dunque, mentre la manovra sarà anticipata a fine settembre dalla nota di aggiornamento al Def e dal correlato quadro programmatico delle riforme.

Intanto nelle prossime ore il titolare di via XX Settembre Giovanni Tria sarà impegnato a Vienna nelle riunioni di Ecofin ed Eurogruppo: un'occasione di confronto con gli omologhi degli altri Stati membri e i rappresentanti della commissione Europea, cui l'Italia vorrebbe chiedere anche quest'anno flessibilità per avere un più ampio margine per mettere a punto le riforme desiderate.

(Unioneonline/D)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Brent 07/09/2018 17:19:55

    Basterebbe diminuire i contributi pubblici che lo stato regala ogni anno alle imprese (pari a 30 miliardi) che in un regime di libero mercato non hanno nessuna giustificazione economicamente valida
  • Urbietorbi 07/09/2018 14:58:15

    Create lavoro non assistiti. Se avanzano soldi diminuite il debito come usa fare il buon padre di famiglia!