Economia » Arborea

"Sa paradura" per i danni degli incendi, scatta la macchina della solidarietà

Giovedì 30 Agosto alle 10:22


Rotoballe

Una sorta di "paradura", come si fa tra allevatori quando qualcuno viene colpito da un evento che decima il gregge e i colleghi donano alcuni capi per ripartire, per rimediare ai danni degli incendi.

È l'idea lanciata da Giancarlo Capraro, presidente di Coldiretti Arborea.

Nei giorni scorsi i fienili di tre aziende zootecniche della cittadina sono stati distrutti dagli incendi causati da autocombustione e da un fulmine, provocando ingenti danni.

Strutture inutilizzabili e rotoballe di fieno e paglia incenerite, quasi tutta la scorta accumulata.

La situazione, spiega Coldiretti, rischia di mettere in ginocchio gli allevamenti. E per questo la macchina della solidarietà si è messa in moto con l'invito alla "paradura" al quale hanno aderito subito molti allevatori.

"È arrivata la disponibilità - spiega l'associazione - a fornire rotoballe e altre scorte, alcune consegnate e il resto ripartito probabilmente già nel fine settimana, tra le tre aziende colpite da calamità".

"L'ausilio del mondo delle campagne, tra aziende, è indispensabile - dice Capraro - per limitare i danni di quanti hanno subìto un evento eccezionale. Si tratta di un esempio virtuoso che nel territorio rappresenta ormai una prassi consolidata legata alla cultura contadina, attenta alle vicende economiche e produttive, ma anche a quelle umane".

(Unioneonline/s.s.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Joculanu 30/08/2018 15:14:04

    Ottima iniziativa, da fare con DISCREZIONE! Chi ha orecchie...se le lavi!