Economia » Guamaggiore

Legge sui maiali: la rabbia del sindaco di Guamaggiore

Martedì 21 Agosto alle 18:00 - ultimo aggiornamento alle 19:44


Nello Cappai, sindaco di Guamaggiore

"A Guamaggiore ho firmato una ordinanza che permette a tutti di allevare in casa un maiale. Ovviamente nel rispetto di tutte le norme sanitarie. L'ho fatto nell'interesse delle famiglie, della storia millenaria della Sardegna. L'ho fatto nel rispetto del buon senso".

L'approvazione della legge regionale del 2 agosto scorso che nell'aziende familiari consente di allevare sino all'ingrasso e alla macellazione solo quattro maiali, ma senza il maschio riproduttore, continua insomma a suscitare critiche.

"Dopo l'ingrasso e la macellazione - aggiunge Nello Cappai - all'allevatore non resterà che comprare maiali da aziende industriali. Il rischio è uno solo: la scomparsa del porchetto sardo, di una tradizione millenaria".

Una polemica destinata ad allargarsi col "porchetto sardo - aggiunge dice ancora il sindaco di Guamaggiore - che rischia davvero di scomparire dalle nostre mense. La legge è chiara: le aziende familiari potranno allevare quattro maiali (col rispetto ovviamente di tutte le norme igienico sanitarie), ma nell'allevamento non potrà esserci il verro, il maschio che garantisce la riproduzione. In sostanza, quindi l'allevatore, ingrassa i suoi quattro maiali, li macella e poi deve riniziare da capo. Come? Comprando i maiali dalla catena commerciale che, di sardo, non hanno proprio nulla. Sono sconcertato, arrabbiato. Questa legge non ha senso, fa solo male alla nostra storia, al futuro delle piccole aziende familiari, alla nostra cucina tipica".

LA VICENDA:

 
tore piana
Porcetto sardo, Piana contro la legge regionale: "Distrugge una tradizione millenaria dell'Isola"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Giano 31/08/2018 20:05:49

    Caro Nello Cappai, stiamo mettendo su pancetta. Coraggio e salutami ziu Paddori.
  • Giano 31/08/2018 05:16:43

    Che senso ha parlare di maialetto sardo? Non esiste più, scomparso. E' lo stesso maialetto che si trova in Emilia, Lombardia, Veneto. Cominciate a capire adesso (dopo 50 anni) la fesseria stratosferica che avete fatto a sostituire i nostri maiali con quelli emiliani, giusto perché avevano meno lardo e più carne? Risultato? Maiale, vitello, tacchino, hanno tutti lo stesso gusto; sanno di niente. Tanto vale mangiare tacchino; è più tenero e costa meno. Contenti?