Politica

Decreto dignità, arriva il via libera: il provvedimento è legge

Martedì 07 Agosto alle 15:32 - ultimo aggiornamento alle 21:23


Il Senato ha dato il via libera al Decreto Dignità.

Il provvedimento ha incassato 155 sì e 125 no (un astenuto) e nei prossimi giorni sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

"Questo decreto legge - le parole del ministro proponente, Luigi Di Maio, titolare della delega al Lavoro - è giusto, perchè interviene su 4 emergenze: il precariato, il gioco d'azzardo, delocalizzazione e la burocrazia. Non è uno strumento che risolve tutti i problemi, ma comincia ad affrontarli in controtendenza rispetto al passato".

Duro, invece, il giudizio dell'opposizione.

"È il decreto disoccupazione, altro che dignità - il commento del capogruppo Pd Andrea Marcucci - perché crea più precarietà e più lavoro nero e riduce i posti di lavoro. Parliamo - ha aggiunto il senatore dem - di persone in carne ed ossa, che con il vostro decreto si troveranno in mezzo alla strada. Ecco come combattete la precarietà: licenziando i lavoratori. Avete fatto cartastraccia di tutte le cose positive dei governi di centrosinistra e lo avete fatto sulla pelle della gente".

All'attacco anche Giorgia Meloni: "È un decreto-visibilità - dice la leader di Fratelli d'Italia - ma avranno meno da festeggiare le migliaia di persone che rischiano di ritrovarsi senza occupazione a causa di un provvedimento vetero-marxista".

Per Tania Sacchetti (Cgil) "si era partiti con un obiettivo affatto scontato, ovvero mettere al centro dell'intervento la dignità del lavoro contrastando la precarietà, ma si è risolto in un intervento che contraddice nei fatti quel titolo ambizioso e importante, a partire dalla reintroduzione dei voucher. Si continua a inseguire ha aggiunto Sacchetti - la logica del lavoro mordi e fuggi, poco retribuito e dequalificato, che svilisce competenze e professionalità".

Negativo anche il giudizio di alcune associazioni di categoria, come la Confederazione Nazionale Artigiani, che in una nota scrive: "La conversione in legge del Decreto Dignità senza prestare attenzione alle preoccupazioni sulle modifiche ai contratti a tempo determinato, che ad alta voce si sono alzate per settimane da grandissima parte del mondo datoriale, ma in particolare da artigiani e piccole imprese, non può non lasciare dietro di sé una fortissima delusione''.

Questo, aggiunge la Cna, è "un decreto che non costruisce strumenti nuovi e più efficaci per coniugare mercato, regole e diritti dei lavoratori, ma modifica in senso peggiorativo regole e strumenti ben funzionanti e efficienti come i contratti a tempo determinato''.

(Unioneonline/l.f.)

 
il ministro del lavoro di maio durante la discussione del decreto dignit (foto ansa)
Lavoro, imprese e gioco d'azzardo: cosa prevede il Decreto Dignità

DITE LA VOSTRA:

 
giuseppe conte
Due mesi di governo Conte: siete soddisfatti?

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • maman-ti 07/08/2018 18:35:20

    Un decreto passato senza ricorrere alla prassi della fiducia tanto cara al Pinocchio Renzi. Come tutti i decreti ha luci e ombre, questo è indubbio, ma con tutto ciò non trovo che ci sia alcunchè di malvagio nel voler procedere con l'estensione degli incentivi per le assunzioni degli under 35, o imporre sacrosante sanzioni alle imprese dei furbetti che delocalizzano dopo aver abilmente sottratto contributi statali, o trovare giuste misure per arginare la lisergica piaga del gioco d'azzardo.
  • user220513 07/08/2018 16:29:12

    CESS......BRAVI......HO CREDUTO IN VOI GOVERNO......MA LEGGENDO IL TESTO MI DEVO RICREDERE.......COME SI PUO NON TENER CONTO DEL FATTO CHE TUTTI I POSTI DI LAVORO VACANTI INTERINALI COOPERATIVE E VIA DICENDO POTRBERO ESSERE A RISCHIO......ASSUNTI ALL INTERNO DELLE AZIENDE NON POTRANNO MAI RISULTARE O ESSERE STABILIZZATI DA QUESTE....NON OSTANTE FACCIANO DEI DIPENDENTI UNA NECESSITÀ ALL INTERNO DI ESSE.....FORNESSUN POLITICO CI PENSA POICHE QUESTA CATEGORIA FA PARTE DELLE LORO "CARAMELLE DI VOTI"