Economia » Provincia di Milano

Fusione Moby-Tirrenia, i sindacati: "Nessun effetto negativo sull'occupazione"

Martedì 24 Luglio alle 10:54 - ultimo aggiornamento alle 11:32


"Qualsiasi eventuale riorganizzazione del personale amministrativo sarà preventivamente discussa con le organizzazioni sindacali, come previsto dal contratto nezionale dei marittimi, e in ogni caso ci hanno assicurato che non ci saranno effetti negativi sui livelli occupazionali delle aziende".

Lo affermano i segretari nazionali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti Natale Colombo, Monica Mascia e Paolo Fantappiè, dopo l'incontro dei sindacati con i dirigenti di Moby e Tirrenia sul progetto di fusione tra le due compagnie.

Un'operazione che vedrà l'assorbimento di Moby in Tirrenia e che - spiegano i sindacati - si sviluppa in varie fasi e tappe: atto iniziale è il progetto tecnico/giuridico già depositato presso il Tribunale di Milano.

La previsione di Moby e Tirrenia, spiegano le sigle sindacali, "si dovrebbe concludere entro l'anno".

"Continueremo a vigilare e monitorare affinché ciò che ci è stato garantito in termini di salvaguardia dei posti di lavoro e di tutele dei lavoratori sia mantenuto sotto tutti gli aspetti", chiude il comunicato congiunto.

Tirrenia ha già trasferito la sede legale a Milano, e la Regione Sardegna ha reso pubbliche tutte le sue rimostranze su questa mossa della compagnia.

(Unioneonline/L)

 
una nave tirrenia
Tirrenia trasferisce la sede a Milano. La Regione promette battaglia

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user219087 25/07/2018 09:03:10

    orma per arrivare in Sardegna dovremmo comprarci un canotto o cambiare destinazione , dove e´la conconrenza faranno i prezzi che vogliono , non che prima non li facessero ma ora , l´antitrust dovrebbe intervenire tutti si fondono e la conconrenza ?