Economia » Olbia

Air Italy, prosegue lo scontro
La Regione scrive a Di Maio

Sabato 21 Luglio alle 16:16 - ultimo aggiornamento alle 20:39


Un aereo Air Italy

La Regione torna a sollecitare la "convocazione urgente del tavolo di crisi per contrastare la volontà di Air Italy di trasferire personale e funzioni amministrative nello scalo di Malpensa con l'inaccettabile delocalizzazione di ben 51 unità lavorative da Olbia alla Lombardia".

Ci sono due missive nel nuovo capitolo della vertenza che oppone la giunta regionale della Sardegna alla compagnia aerea: quelle che il governatore Francesco Pigliaru e l'assessore dei Trasporti Carlo Careddu hanno inviato ai ministri dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio e delle Infrastrutture Danilo Toninelli e all'ambasciatore del Qatar in Italia Abdulaziz Bin Ahmed Al Malki Al Jehani.

UN NUOVO INCONTRO - L'obiettivo è ottenere l'ok a un nuovo, decisivo faccia a faccia con le parti in causa per evitare il trasferimento dei lavoratori dalla Sardegna allo scalo milanese e, più in generale, avere maggiori rassicurazioni sul ruolo dell'Isola nelle strategie aziendali di Air Italy.

"INCOERENZA" - Secondo la giunta Pigliaru, infatti, la riorganizzazione in atto "non è coerente con gli impegni assunti anche di recente dalla compagnia aerea in sede di discussione del piano industriale ed appare del tutto immotivata, in considerazione del fatto che molte attività, al pari delle migliori esperienze internazionali, possono essere realizzate da remoto, in Sardegna,. anche al servizio di altri hub".

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio
Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio

GLI "OBBLIGHI" 2016 - "L'incontro richiesto,- si legge nella lettera partita da Cagliari - oltre ad avere l'obiettivo di evitare l'ipotesi di delocalizzazioni della compagnia dalla Sardegna. E consentirà - si aggiunge - di affrontare il tema della corretta applicazione ed esecuzione degli obblighi assunti nel giugno 2016 nei confronti dei lavoratori e in particolare modo, degli impegni assunti dal management nel corso degli incontri tenuti con la Regione sul mantenimento e sul potenziamento delle proprie attività in Sardegna".

IL RUOLO DEL QATAR - All'ambasciatore del Qatar in Italia la Regione chiede in particolare di mediare per un "incontro urgente con i vertici di Qatar Airway, in qualità di azionista di Air Italy" in quanto "gli ultimi due incontri che si sono tenuti di recente con il management di Air Italy e le successive comunicazioni scritte non sono state rassicuranti consolidando la percezione diffusa in Sardegna di scelte orientate alla delocalizzazione della compagnia. Eppure - precisano Pigliaru e Careddu - l'acquisizione del 49% del capitale sociale di Meridiana da parte di Qatar Airways aveva indotto a ritenere che il percorso di ristrutturazione dell'azienda, dovuto anche al sacrificio enorme di molti lavoratori nel frattempo licenziati, avrebbe finalmente inaugurato una stagione nuova con ricadute importanti dal punto di vista economico e sociale".

(Unioneonline/l.f.)

 
il faccia a faccia in regione
Air Italy guarda a Malpensa. Braccio di ferro con la Regione

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

9 commenti

  • Voxpopoli 22/07/2018 11:11:20

    @Murvoni... TI QUOTO in pieno !!!
  • Gallosardo 22/07/2018 11:04:36

    Mraxani Meridiana è stata la 1 azienda per indotto. Gli stipendi dei suoi dipendenti erano nettamente superiori a quelli della Saras, vedi ad es. le retribuzioni dei piloti
  • gp 22/07/2018 10:54:17

    Ma la Regione Sarda è azionista di Air Italy o meglio della Quatar aw ? Consideri solo che senza quest' ultimo intervento c'erano ben poche speranze di resistere in un mercato sempre più complesso e dinamico.
  • Murvoni 22/07/2018 09:10:15

    Dilettanti allo sbaraglio. Hanno dato la stoccata finale al sistema dei trasporti e produttivi della Sardegna
  • gerazze 22/07/2018 07:41:23

    Pigliatutto e Deiana dopo aver fatto scempio dei trasporti con accordi scellerati vedono all'orizzonte le elezioni e cercano un gommone di salvataggio. Dimettersi immediatamente e lasciare il timone ad altri sarebbe la soluzione migliore.
  • mraxani 21/07/2018 23:23:34

    Torpedone, non è mai stata la principale azienda della Sardegna, vedi Saras.
  • Gallosardo 21/07/2018 22:08:27

    Prima scappano i buoi e poi chiudono la stalla. Hanno licenziato o costretto ad andare via 1000 lavoratori e ora scoprono che il futuro non è più in Sardegna? Dilettanti allo sbaraglio. Il Rubicone è stato attraversato 2 anni fa.
  • Torpedone 21/07/2018 18:57:42

    scrivessero a "lu prinzipe"
  • Torpedone 21/07/2018 17:50:50

    Siamo alla follia. Prima svendono la principale azienda dell'isola, che licenzia centinaia di dipendenti e poi improvvisamente si accorgono che non vengono rispettati gli impegni????