Economia » Sardegna

Continuità, l'Ue frena. E l'assessore Careddu chiede un incontro con Toninelli

Mercoledì 13 Giugno alle 15:47


Foto d'archivio

Basi aeroportuali e rischio per il libero mercato nel periodo estivo.

Nei principali rilievi mossi dalla Commissione europea al modello della nuova continuità territoriale proposto per il quadriennio 2018/2022, si chiede di allargare il ventaglio di aeroporti aggiungendo a Fiumicino e Linate anche Ciampino, Malpensa e Orio al Serio.

E vanno anche riviste le prescrizioni per la stagione turistica in modo da non turbare, con il numero dei posti e le ipotesi tariffarie proposte dalla Regione, il libero mercato.

"Noi riteniamo che in un'Europa dei popoli - dice l'assessore ai Trasporti, Carlo Careddu, ai microfoni di Videolina - il diritto alla mobilità venga prima degli interessi che, sebbene legittimi, attengono alle compagnie aeree".

"Da questo punto di vista è importante che la condizione insulare della nostra Regione venga fatta valere ma soprattutto che venga recepita negli strumenti che probabilmente, così come sono scritti, danno uno spazio decisionale eccessivo agli euroburocrati che può in qualche modo comprimere un diritto al quale noi non intendiamo rinunciare, che è quello alla mobilità".

"Siamo disponibili a collaborare - aggiunge Careddu - per questo abbiamo chiesto un incontro urgente con il ministro Danilo Toninelli".

"Dobbiamo fare presto, la Regione non può più aspettare".

(Unioneonline/D)

IL SERVIZIO DEL TG DI VIDEOLINA:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Chiara_71 13/06/2018 16:51:19

    Speriamo sia la volta buona!