Economia » Ottana

Ottana, operativa la Task Force per il rilancio dell'area industriale

Mercoledì 06 Giugno alle 10:15


La zona industriale di Ottana

Avanti tutta con le azioni per lo sviluppo dell'area industriale di Ottana.

È operativo da ieri il gruppo di coordinamento, composto da tre sindaci, un rappresentante per ciascuno sindacato, partenariato economico, terzo settore, Camera di Commercio, consorzio industriale e la Provincia, che si affiancherà alla Task Force interassessoriale nata martedì pomeriggio in Regione, presieduta dall'assessore Raffaele Paci.

La Task Force ha già individuato tre tipi di azioni che saranno portate avanti da subito.

Le prime due riguarderanno l'intera area individuata e gli interventi diretti per i lavoratori in cerca di nuova occupazione, poi lo sviluppo e rilancio degli investimenti attraverso bandi dedicati esclusivamente al territorio e dunque calibrati sulle sue specifiche esigenze.

La terza azione riguarda solo l'area del Consorzio industriale, con l'obiettivo di favorire nuovi insediamenti produttivi attraverso bonifiche e infrastrutture che rendano più attrattiva la zona.

Fare in fretta diventa la parola d'ordine anche di Cisl e Uil, Confindustria, Camera di Commercio e altre rappresentanze imprenditoriali.

I Comuni che rientrano nel piano di intervento sono Austis, Birori, Bolotana, Borore, Bortigali, Dualchi, Gavoi, Lei, Lodine, Macomer, Mamoiada, Noragugume, Ollollai, Olzai, Oniferi, Orani, Orotelli, Ottana, Ovodda, Sarule, Silanus, Sindia, Teti e Tiana.

 
l incontro nel comune di ottana con l assessore paci
Ottana, nasce la task force anti-crisi: "Risposte utili in tempi rapidi"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • sar2010 06/06/2018 12:20:24

    Mi spiace, ma sono tutte iniziative che approderanno a nulla. Senza la creazione di un vero centro "vivo" la zona, anzi tutto il centro Sardegna, resterà "morto". E il centro vivo si può creare solo seguendo l'esempio che ci ha dato da tempo il Brasile quando ha avuto il coraggio di far nascere la nuova città di Brasilia, al centro del Brasile. Sardegna organizzati per fare lo stesso!