Economia » Villamassargia

Villamassargia, cambiano sede i Servizi Sociali e nasce il primo Punto Cliente di Servizio Inps

Mercoledì 16 Maggio alle 18:19 - ultimo aggiornamento alle 20:15


L'ex scuola Mascia che ora ospita alcuni servizi comunali e il primo Punto Cliente di Servizio Inps

Una nuova collocazione per alcuni servizi erogati dal Comune che vede inoltre aprire i battenti del primo "Punto Cliente di Servizio Inps" (Pcs) di Villamassargia, un ufficio che consentirà di usufruire gratuitamente di alcuni servizi Inps senza doversi recare fisicamente agli sportelli dell'istituto.

A cambiare sede sono gli uffici dei Servizi Sociali, da ieri attivi nella ex Scuola Maxia (stabile a due passi dal municipio di piazza Pilar con ingresso tra via Pilar e piazza Porru) con inoltre una nuova organizzazione degli spazi interni votata alla maggiore efficenza.

Si completa così la ricollocazione di tutti i servizi alla persona (solitamente quelli maggiormente presi d'assalto dall'utenza) che già avevano visto il trasloco nell'ex scuola Maxia dell'ufficio dei Servizi Demografici.

La decisione di spostare questi servizi, in una sede comunque molto vicina al Municipio, risponde ad "esigenze di comfort e privacy dei cittadini" spiega il sindaco Debora Porrà. "Ora tutti i servizi alla persona hanno uffici contigui in grado di comunicare meglio tra loro anche per ridurre i tempi d'attesa e semplificare le richieste di documenti".

Grazie poi ad un protocollo d'intesa, firmato con l'amministrazione comunale nello stesso stabile, è attivo anche il primo Punto Cliente di Servizio Inps. Potrà erogare estratti contributivi, certificazione unica, Obism (documento che riporta gli importi pensionistici percepiti durante l'anno), Domus (serve a visualizzare lo stato delle pratiche richieste all'Inps) oltre a consentire pagamenti, prestazioni e prenotazioni per gli sportelli Inps.

Gli utenti che vi si recano dovranno munirsi di documento d'identità e codice fiscale o esibire delega e documenti di riconoscimento dell'interessato se richiedono servizi per conto terzi.

Simone Farris

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook