Economia

L'accordo giallo-verde agita la Borsa: sale lo spread, crolla Piazza Affari

Mercoledì 16 Maggio alle 17:30 - ultimo aggiornamento alle 20:11


"Pensano di intimorirci usando il trucchetto dello spread", dichiara Salvini. "Non abbiamo paura, nessuna preoccupazione", gli fa eco Di Maio.

E rincara la dose Riccardo Fraccaro, fedelissimo di Di Maio che rispolvera il vocabolario renziano tirando in ballo i gufi: "Il lavoro sul contratto di governo rispecchia ciò che i cittadini hanno chiesto con il voto democratico, eurocrati e gufi si rassegnino, noi dobbiamo difendere gli interessi dei cittadini".

I numeri, tuttavia, fanno impallidire.

Non si sa se siano dovuti alla bozza del contratto Lega-M5S, al fatto che due forze antisistema come il Carroccio e i pentastellati si apprestino a guidare il Paese o ai ritardi nella formazione dell'esecutivo.

Forse un mix, ma non è un caso se lo spread torna a correre pericolosamente il giorno dopo la pubblicazione della bozza in cui Salvini e Di Maio parlano espressamente di uscita dall'euro e si dicono pronti a chiedere alla Bce di Mario Draghi la cancellazione di 250 miliardi di titoli di Stato che l'istituto avrà in pancia alla fine del quantitative easing.

Lo spread tra Btp e Bund tedeschi, ieri sera fermo a 130 punti base, questa mattina è schizzato a quota 151, toccando i massimi dallo scorso gennaio. La Borsa di Milano ha chiuso a -2,32%.

I titoli più in sofferenza sono Mediaset, Bpm e Unicredit, che hanno perso tra i 4 e i 5 punti percentuali.

Un crollo, quello di Piazza Affari, che non coinvolge le altre Borse europee, che hanno chiuso poco mosse ma tutte col segno più.

(Unioneonline/L-F)

 
la bozza del contratto di governo
Contratto di governo, spunta la bozza: è arrivato lo stop di Mattarella?

 
la borsa di milano
La crisi politica spaventa i mercati, Piazza Affari chiude a -2,32%

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • ziaCAGLIARI 18/05/2018 20:51:04

    Dei 2.300 MILIARDI di DEBITO PUBBLICO ITALIANO, 700 miliardi sono in mani straniere, e alla prima avvisaglia di uscita dall’Euro, venderanno sul mercato quella massa gigantesca di titoli. Possono i politici dare via ad un PRESTITO FORZOSO, cioè obbligare gli impiegati, operai e pensionati ad essere pagati, in parte, con titoli del debito pubblico non vendibile per 10 anni. Attenti alle parole facili di questi politici, ignoranti di Economia e Finanza. ziaCAGLIARI
  • user238869 18/05/2018 00:04:12

    Hanno voluto riabilitare il pregiudicato in parlamento? Ora la finanza e le garanzie del Paese sono meno sicure: non ci vuole mica un genio per capirlo.
  • ziaCAGLIARI 17/05/2018 18:59:55

    DEBITO FORZOSO – Non solo gli stipendi o le pensioni verranno pagati in parte con titoli di stato invendibili per 7 o 10 anni. Anche i proprietari di immobili, case, terreni, dovranno anticipare forzatamente il pagamento della TASSA DI SUCCESSIONE tramite un’ipoteca che lo STATO ITALIANO accenderà sul 10% del valore della nostra proprietà immobiliare. Potremo incassare solo le cedole di quella CARTA STRACCIA chiamata DEBITO PUBBLICO ITALIANO. ziaCAGLIARI
  • ziaCAGLIARI 17/05/2018 18:47:22

    Uscire dall’EURO significherebbe questo: i 2.300 MILIARDI DI DEBITO PUBBLICO anziché pagare 46 miliardi di interessi l’anno, dovranno pagare interessi per 276 miliardi. Quindi a questi politici imberbi converrebbe riflettere prima di parlare: grazie all’Euro stiamo risparmiando 230 MILIARDI di interessi l’anno. Questa cifra da sola dovrebbe suggerire di starsi zitti. Ma esiste un altro aspetto ancora più inquietante. Un terzo del nostro DEBITO PUBBLICO si trova in mani straniere. ziaCAGLIARI
  • ziaCAGLIARI 17/05/2018 18:36:53

    Con i soldi non si scherza. L'uscita dalla moneta unica EURO, o anche la creazione di un EURO DI SERIE B, spingerà gli investitori previdenti ad investire nelle società estere, ed in meno di 60 secondi tutti i capitali spariranno dall'Italia. Anche io mi tengo pronto e non esiterò un solo istante se questi politici principianti faranno un solo gesto tendente al ritorno della nostra liretta. Gli investitori hanno memoria di elefante e gambe di lepre: ricordano tutto, e corrono via imprendibili.
  • piriccu 16/05/2018 20:59:15

    Storia vecchia, chi adesso vende e determina il ribasso, insieme agli allocchi ingenuiche ci cascano, ricominciano subito a ricomprare.
  • alexander5 16/05/2018 18:33:58

    "se vince il NO al referendum ci saranno conseguenze drammatiche"...stessa storia ora, tentano di spaventarci