Economia » Italia

Il Consiglio dei ministri approva il Def: "Nel 2018 crescita all'1,5%"

Giovedì 26 Aprile alle 15:00


Mentre la formazione di un governo alla guida del Paese è ancora in alto mare, il Consiglio dei ministri ha approvato il Def-Documento di Economia e finanza per il 2018.

Nel corso della conferenza stampa che ha fatto seguito al Cdm, il premier uscente Paolo Gentiloni ha affermato che il provvedimento è "a politiche invariate: non contiene parti programmatiche e riforme che spettano al prossimo governo" e "fotografa la situazione tendenziale dalla quale emerge un quadro positivo".

È stato poi il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan a dettagliare i contenuti del Def.

Secondo una stima prudente nel 2018, il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell'1,5%, l'anno prossimo dell'1,4% mentre nel 2020 del 1,3%.

''Le misure strutturali fanno ritenere che il Pil possa andare - ha affermato il ministro - almeno al 2%. Non è numero del Def ma che io personalmente pongo alla considerazione, naturalmente a patto che le misure intraprese siano confermate e rafforzate''.

Il debito, invece, si attesterà al 130,8% del Pil nel 2018; nel 2019 scenderà al 128% e nel 2020 al 124,7%. Il deficit del 2018, invece, si collocherà all'1,6% del Pil.

Tra gli elementi positivi citati da Padoan, "lo spread rispetto alla Spagna si è ulteriormente ristretto e il sistema bancario non è più un fattore di rischio come veniva paventato. Il quadro complessivo è di stabilità crescente e deve essere ulteriormente rafforzato".

Restano invece drammatici i dati relativi alle disuguaglianze: per il ministro, "la diseguaglianza è aumentata. È una delle conseguenze più drammatiche della crisi, e deve essere oggetto di strategie di politiche economiche e sociali da subito".

(Unioneonline/F)

 
il premier paolo gentiloni
Def: crescita Pil rivista al rialzo, + 1,5%. Gentiloni: "Manovra non sarà depressiva"

 
Def, il Senato approva lo scostamento dei conti pubblici. Tensioni sul superticket sanitario

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook